Grande Guerra, convegno e cerimonie. Mormanno celebra il Centenario della Vittoria

Il 15 e 16 dicembre 2018 Mormanno ricorda il Centenario della vittoria nazionale della Grande Guerra 1915 – 1918 e il novantesirno anniversario di inaugurazione del Faro votivo, monumento regionale ai circa 20 mila caduti della Calabria. Il programma prevede per il 15 dicembre alle 16 una sfilata della fanfara degli “Alpini d’Abbruzzo” da villa S. Rocco per le vie del paese.Un’ora dopo, alle 17 presso la Sala Consiliare, si terrà un convegno su “Calabresi per la Patria: l’intervento della Calabria nel primo conflitto mondiale”. Dopo i saluti istituzionali del sindaco Giuseppe Regina e del prof. Vittorio Cappelli direttore dell’Icsaic, sono previsti gli intervento del prof. Giuseppe Ferraro dottore di ricerca dell’Università di San Marino e dirigente dell’Icsaic che si soffermerà su “Il colpo di tuono. Da guerra europea a conflitto totale 1848-1914”, mentre  il Gen. Pasquale Martinello presidente Associazione Calabria in armi” parlerà su tema “La Calabria al fronte, dalla chiamata di leva al congedo militare, 1915-1918”. In serata, alle 20,  in Piazza Umberto I, Esibizione e Carosello della Fanfara “Alpini d’Abbruzzo”. Continua a leggere

Deputazione di Storia Patria: Caridi confermato presidente. Ferraro (Icsaic) nominato Deputato

 


Il prof. Giuseppe Caridi, ordinario di Storia moderna dell’Università di Messina, è stato confermato presidente della Deputazione di Storia Patria per la Calabria che ha rinnovato il proprio consiglio direttivo nel corso dell’assemblea ordinaria che si è svolta nei locali dell’Università per Stranieri di Reggio Calabria, con la partecipazione di una folta rappresentanza dei 245 soci provenienti da numerosi centri della regione. Oltre a Caridi, il nuovo Consiglio direttivo (per il quale non hanno riproposto la propria candidatura i Deputati, Rocco Liberti, Pantaleone Sergi e Antonio Tripodi), risulta così composto: vice presidente Antonino Denisi; segretario Giuseppe Masi; tesoriere Enzo D’Agostino; componenti Mirella Mafrici, Francesca Marturano, Giovanni Russo, Antonello Savaglio e Antonino Zumbo. Tra nuovi deputati nominato il nostro Giuseppe Ferraro. Continua a leggere

“Anoia e la Grande Guerra”: sabato 15 con l’Icsaic presentazione del volume di Giovanni Quaranta

“Anoia e la Grande Guerra”: è il titolo del volume di Giovanni Quaranta, Deputato di Storia Patria per la Calabria, che sarà presentato sabato 15 dicembre prossimo alle 16 nella Chiesa “Vecchia” di San Nicola di Anoia, in provincia di Reggio Calabria. Il volume di Quaranta, che ben si inserisce nel progetto sulla Grande Guerra che il nostro istituto sta portando avanti da ormai un anno con iniziative diverse, come spiega l’autore «è un doveroso omaggio alla memoria dei nostri nonni che combatterono con indicibili sofferenze nelle lontane terre del nord Italia».

Dopo i saluti del parroco di Anoia, don Cesare Di Leo, ci saranno le relazioni del prof. Pantaleone Sergi, presidente dell’Icsaic e Deputato di Storia Patria per la Calabria, e della dott.ssa Maria Fortunata Minasi Direttore dell’Archivio di Stato di Reggio Calabria. Il dibattito sarà moderato dal prof. Agostino Formica, Deputato di Storia Patria per la Calabria, e sarà concluso dall’autore. Continua a leggere

Monongah, quei quaranta calabresi morti in miniera nella più grande tragedia dell’emigrazione italiana

Il 6 dicembre di 111 anni fa avvenne la più grande tragedia dell’emigrazione italiana.
Tra le centinaia di minatori morti a Monongah, West Virginia, ci furono una quarantina di calabresi. Secondo le cifre ufficiali dell’epoca, le vittime totali della sciagura furono 361, di cui 171 italiani.

Per ricordare il tragico anniversario riproponiamo una ricerca del socio Vincenzo Gentile pubblicata sul volume Calabria Migrante, Suppl. a Rivista Calabrese di Storia del ‘900,  1, 2013 (Da S. Giovanni in Fiore a Monongah. L’esodo verso la morte nelle miniere).

Il quotidiano italiano “Gente d’Italia” che si pubblica a Montevideo e che anni fa dopo  centinaia di articoli, inchieste e “battaglie” mediatiche riportò all’attenzione la tragedia dimenticata, nel suo numero del 6 dicembre 2018 propone uno speciale (QUI) sulla storia “riscoperta” degli emigrati italiani morti nella “miniera maledetta”, “per commemorare ed onorare – scrive il direttore Mimmo Porpiglia – quei poveri resti sepolti centoundici anni fa su quella lunga striscia di terra senza croci, senza lapidi, senza nomi”. Continua a leggere

“Dialogo con la storia”: confronto sulla “Grande Guerra” al Lucrezia della Valle di Cosenza

Un momento dell’incontro con docenti e studenti al Liceo Lucrezia della Valle

Continuano le attività dell’Istituto calabrese per la storia dell’antifascismo e dell’Italia contemporanea sul tema del centenario della Prima guerra mondiale con incontri nelle scuole e varie attività di didattica e ricerca. Su iniziativa della dirigente del Liceo Lucrezia della Valle di Cosenza, Loredana Giannicola, martedì 4 dicembre gli studenti dei vari indirizzi, ognuno dei quali aveva preparato dei progetti sul tema (video, relazioni, una mostra con importanti fonti documentarie e cimeli sulla prima guerra mondiale), ha “dialogato con  la storia”. Durante la mattinata si è avviata anche una dinamica discussione sul tema condotta dal prof. Michele Giacomantonio con due esperti del tema il professore Giuseppe Trebissace ordinario di storia della pedagogia presso l’università della Calabria e Giuseppe Ferraro membro del comitato scientifico e responsabile scuola e didattica del nostro Istituto. La mattinata ha visto anche l’esibizione del coro della scuola.

Il direttore Cappelli a Napoli per parlare del Sessantotto in Calabria

Il direttore del nostro Istituto, prof. Vittorio Cappelli, nei giorni scorsi, ha partecipato a Napoli a un convegno organizzato dell’Istituto per la Resistenza “Vera Lombardi” sul tema “Il 68 visto da Sud”, convegno che si è svolto alla Casina Pompeiana. In una tavola rotonda a cui hanno partecipato anche il prof.  Guido D’Agostino e il prof.  Pino Ippolito, Cappelli ha parlato del Sessantotto nella Calabria, in particolare sulle province di Catanzaro, Vibo, Cosenza e Crotone. Continua a leggere

Iniziative a Corigliano Rossano e Cosenza per ricordare gli eroici fanti della Catanzaro

Una immagine della partecipata celebrazione del primo centenario della fine della GrandeGuerra tenutasi mercoledì 7 novembre 2018 all’Auditorium Guarasci di Cosenza. Tra i relatori il prof. Vittorio Cappelli e il prof. Giuseppe Ferraro dell’Icsaic.

Un momento con la Fanfara dei Bersaglieri del Primo Reggimento di Cosenza nel corso dell’incontro dibattito su “Gli eroi della Brigata Catanzaro” e la Grande Guerra alla Biblioteca Nazionale di Cosenza, l’8 novembre 2018. Tra i relatori il prof. Giuseppe Ferraro dell’Icsaic.

Corigliano Rossano il 6, Cosenza il 7, e ancora Cosenza l’8 novembre: continua incessante l’impegno del nostro istituto negli incontri e nei dibattiti per ricordare, con un fitto progetto, il Centenario della Grande Guerra e, in particolare, la storia degli eroici fanti della Brigata Catanzaro. Un impegno costante iniziato nel gennaio passato con incontri nelle scuole, assieme a enti locali e istituzioni culturali che ha visto impegnati molti studiosi dell’Icsaic, che terminerà entro il mese di dicembre quando verrà presentato il volume di Giuseppe Ferraro dal titolo «Resistere». Trincea e prigionia nel’Archivio Barberio, edito da Pellegrini.

Un libro di Giulia Sattolo sugli eroi decimati della Brigata Catanzaro

A Santa Maria la Longa, dove nel luglio del 1917 venne decimata, si torna a parlare della eroica Brigata Catanzaro, grazie a un libro dal titolo “Questa sera verrà il bello!” di Giulia Sattolo, giovane storica che ha collaborato con il nostro istituto per la realizzazione  del documentario realizzato sui luoghi in cui la brigata operò coprendosi di gloria e poi prendendo parte al Convegno che abbiamo organizzato a Catanzaro nel novembre dell’anno scorso. A distanza di un anno, la Sattolo ha pubblicato, per l’editore Aviani & Aviani di Udine il suo atteso volume che sarà presentato giovedì 8 novembre 2018 alle ore 20.30 nella biblioteca comunale a Santa Maria la Longa. Alla decimazione di Santa Maria la Longa della Brigata Catanzaro, Giulia Sattolo aveva dedicato anche la sua tesi di Laurea. Alla presentazione dell’8 novembre, dopo il saluto del sindaco Igor Treleani e dell’Assessore alla Cultura Donatella Urban, assieme l’autrice interverrà il Prof. Umberto Sereni ordinario di Storia contemporanea dell’Università degli Studi di Udine che ha curato una delledue prefazioni storiche al volume (l’altra è stata curata del prof. Zannini Direttore di Dipartimento della stessa Università che ha concesso il patrocinio per l’iniziativa).Le letture sceniche saranno affidate alla regia di Francesco Accomando e gli attori di Oltreconfine – Cikale operose.

Sapri, l’istituto Leonardo da Vinci e l’Icsaic hanno ricordato la Grande Guerra

Un centinaio di studenti. Attenti. Interessati all’argomento. È stato un appuntamento molto partecipato quello che si è svolto nell’Istituto Leonardo Da Vinci di Sapri, in provincia di Salerno, per ricordare gli eventi della Grande Guerra a cento anni dalla sua conclusione. Grazie all’iniziativa del preside Corrado Limongi che ha moderato l’incontro apportandovi un contributo sostanziale nel merito di quanto era in discussione, è stato approfondito il ruolo del Mezzogiorno, retrovia distante, nell’ambito della Grande Guerra. Continua a leggere

L’eroico sottotenente Angelo Parrilla ricordato dal’Icsaic e dal Comune di Longobucco

Nel Centenario della Grande Guerra il comune di Longobucco, con la collaborazione del nostro Istituto nell’ambito del progetto che sta portando avanti da un anno con il supporto della Regione Calabria, ha  voluto ricordare un proprio eroe, Angelo Parrilla, medaglia d’oro al valor militare. La manifestazione si è svolta domenica 28 ottobre 2018 ore 10.30 e la figura e la vicenda del sottotenente Angelo Parrilla sono state tratteggiate da Giuseppe Ferraro, dottore di Ricerca, dirigente dell’Icsaic. Con l’occasione, presso il Museo dell’Artigianato e degli Antichi mestieri, l’amministrazione comunale ha voluto organizzare un mostra con oggetti personali del giovane combattente. All’incontro, che ha visto la partecipazione di autorità civili e militari, hanno portato il loro saluto il sindaco Giovanni Pirillo, il suo vice Giuseppe Davide Federico, nonché l’assessore al Turismo e alla promozione del territorio Serafino Greco. Continua a leggere

“La fine della Grande Guerra”: sabato 27 ottobre a Sapri una iniziativa dell’Icsaic

Arriva anche in Campania, dopo tante iniziative nelle scuole calabresi e in manifestazioni volute da enti locali, il progetto sul Centenario della Grande Guerra e sulla eroica Brigata Catanzaro promosso dall’Istituto calabrese per la storia dell’antifascismo e dell’Italia contemporanea con il sostegno della Regione Calabria, Assessorato alla Cultura. Sabato 27 ottobre alle 10,30, nell’aula magna dell’Istituto Leonardo da Vinci di Sapri, in provincia di Salerno, si terrà un evento dal titolo “La fine della Grande Guerra”, nell’ambito di un progetto scolastico che quella scuola sta svolgendo. Continua a leggere

“La Grande Guerra: 1914-1918”: una rassegna alla Biblioteca Nazionale di Cosenza

La Biblioteca Nazionale di Cosenza in occasione del centenario della fine della 1Guerra Mondiale (1914-1918) ha organizzato una mostra bibliografica e documentaria, incontri, presentazione film, concerto di musica in collaborazione con varie associazioni, tra cui il nostro Istituto che sulla Grande Guerra sta portando avanti un progetto che si concluderà con la pubblicazione di una ricerca sui diari del capitano Barberio e un documentario didattico. La rassegna si apre con l’inaugurazione della mostra “La Grande Guerra”: 1914-1918; giorno 20 ottobre 2018 ore 10,00 e in occasione dell’apertura è prevista l’esibizione musicale del maestro Paolo Luciani e del tenore Giuseppe Morrone. La mostra è visitabile dal 20 ottobre al 10 novembre 2018 nelle ore di apertura della Biblioteca. Vengono esposti in Biblioteca cimeli di varia tipologia (uniformi e oggettistica militaresca, onorificenze, medaglie ed altro ancora), messi a disposizione della manifestazione dagli enti partner e da archivi privati. Il percorso della mostra “La Grande Guerra: 1914-1918” offre con finalità didattica la presenza di pannelli espositivi che ricostruiscono le vicende della Grande guerra attraverso copertine e illustrazioni della Domenica del Corriere. Altri pannelli proporranno, invece, riproduzioni levigate e accurate di immagini tratte dai fotogrammi della filmografia sul tema. Continua a leggere

Un volume ricco di testimonianze per ricordare l’arcivescovo Antonio Ciliberti

Una serata romana per ricordare il vescovo calabrese mons. Antonio Ciliberti, morto il 1° aprile 2017, dopo aver guidato la Chiesa diocesana di Locri (1989-1993), quella di Matera (1993-2003), e concluso la sua missione episcopale quale arcivescovo metropolita di Catanzaro-Squillace (2003-2011). Il volume curato da don Gaetano Federico – responsabile dell’Archivio diocesano di Rossano-Cariati e socio del nostro istituto – come scrive mons. Giuseppe Satriano è «una risonanza del cuore e della mente», di chi ha conosciuto e stimato il vescovo Ciliberti. Dopo alcuni saggi introduttivi il testo, edito da Progetto 2000, si compone di una decina di testimonianza di vescovi e di una trentina di sacerdoti e laici amici di “don Antonio”. Alcune schede, foto e articoli di giornali completano il testo. Dopo le presentazioni di Corigliano e Catanzaro, in attesa di presentare il volume sia a Locri che a Matera, sabato 13 ottobre 2018 sarà la Basilica di Sant’Andrea delle Fratte a Roma, retta dai frati Minimi di San Francesco di Paola, a ospitare la manifestazione. Dopo il saluto del parroco padre Francesco Trebisonda, interverranno l’editore cosentino Demetrio Guzzardi, il curatore del volume don Gaetano Federico e il presidente emerito della Corte costituzionale Cesare Mirabelli; coordina i lavori la giornalista Rai, Camilla Nata. QUI IL RICORDO DI CESARE MIRABELLI Continua a leggere

Una nuova biografia di Fausto Gullo: tesi magistrale all’Università di Torino

Prospero Francesco Mazza

Il momento della proclamazione

 

 

 

 

 

 

Una nuova tesi di laurea – una ricerca accurata fatta principalmente sui materiali del Fondo Gullo conservati in copia nell’archivio del nostro istituto – a opera, questa volta, del nostro giovane socio Prospero Francesco Mazza che ha completato il suo Corso di Laurea Magistrale in Scienze del Governo presso il Dipartimento di Culture, Politica e Società dell’Università degli Studi di Torino. Relatore il prof. Paolo Soddu e correlatore il prof. Fabrizio Loreto, Mazza ha discusso la sua tesi dal titolo Fausto Gullo: una nuova biografia” nella quale ha ripercorso – sulla base dei documenti disponibili e di una ricca bibliografia – la vita politica del dirigente comunista che fu ministro dell’Agricoltura (viene ricordato per i famosi “Decreti Gullo” per l’assegnazione delle terre incolte e malcoltivate ai contadini) e poi ministro di Grazie Giustizia. Mazza ha voluto condividere con i soci e la comunità scientifica il suo lavoro che mettiamo a disposizione nella sezione Tesi sulla Calabria/Laurea