Il Partigiano Federico Tallarico detto Frico. Storie di Partigiani Calabresi per ricordare i 75 anni della Liberazione

Video a cura dell’ICSAIC sul Partigiano Federico Tallarico, nome di battaglia Frico, per ricordare i 75 anni della Liberazione. Contiene l’intervento dello storico Giuseppe Ferraro, responsabile sezione didattica dell’Istituto, e il canto della Brigata Frico curato dal musicologo Antonio Bevacqua.
Per approfondimenti sul Partigiano Tallarico [Marcedusa (Catanzaro), 20 gennaio 1917 – Catanzaro, 6 luglio 2010] si può consultare la scheda del Dizionario Biografico della Calabria Contemporanea all’indirizzo: http://www.icsaicstoria.it/tallarico-federico-frico/

Resistenza, chi ha paura del 25 aprile

Contro il manipolo di neofascisti che vorrebbero stravolgere il senso del 25 aprile, pubblichiamo, il  documento – riproposto da Ettore Boffano sul “Fatto Quotidiano” ­–spesso dimenticato e scritto quasi tre anni prima dell’entrata in vigore della nostra Costituzione, ma della quale costituisce, sul piano morale, storico e politico, il primo atto fondativo.  
«Il CLNAI dichiara che la fucilazione di Mussolini e complici, da esso ordinata, è la conclusione necessaria di una fase storica che lascia il nostro Paese ancora coperto di macerie materiali e morali, è la conclusione di una lotta insurrezionale che segna per la Patria la premessa della rinascita e della ricostruzione. Il popolo italiano non potrebbe iniziare una vita libera e normale – che il fascismo per venti anni gli ha negato – se il CLNAI non avesse tempestivamente dimostrato la sua ferrea decisione di saper fare suo un giudizio già pronunciato dalla storia. Solo a prezzo di questo taglio netto con un passato di vergogna e di delitti, il popolo italiano poteva avere l’assicurazione che il CLNAI è deciso a proseguire con fermezza il rinnovamento democratico del Paese. Solo a questo prezzo la necessaria epurazione dei residui fascisti può e deve avvenire, con la conclusione della fase insurrezionale, nelle forme della più stretta legalità.
Dell’esplosione di odio popolare che è trascesa in quest’unica occasione a eccessi comprensibili soltanto nel clima voluto e creato da Mussolini, il fascismo stesso è l’unico responsabile.
Il CLNAI, come ha saputo condurre l’insurrezione, mirabile per disciplina democratica, trasfondendo in tutti gli insorti il senso della responsabilità di questa grande ora storica, e come ha saputo fare, senza esitazioni, giustizia dei responsabili della rovina della Patria, intende che nella nuova epoca che si apre al libero popolo italiano, tali eccessi non abbiano più a ripetersi. Nulla potrebbe giustificarli nel nuovo clima di libertà e di stretta legalità democratica, che il CLNAI è deciso a ristabilire, conclusa ormai la lotta insurrezionale. Il Comitato di Liberazione Nazionale dell’Alta Italia.
Achille Marazza per la Democrazia Cristiana, Augusto De Gasperi per la Democrazia Cristiana, Ferruccio Parri per il Partito d’Azione, Leo Valianiper il Partito d’Azione, Luigi Longo per il Partito Comunista Italiano, Emilio Sereni per il Partito Comunista Italiano, Giustino Arpesani per il Partito Liberale Italiano, Filippo Jacini per il Partito Liberale Italiano, Rodolfo Morandi per il Partito Socialista Italiano di Unità Proletaria, Sandro Pertini per il Partito Socialista Italiano di Unità Proletaria». 

#PartigianiCosentini, pillole di storia dell’Anpi Provinciale di Cosenza in collaborazione con l’Icsaic

Un video di due minuti ciascuno per ricordarli tutti. Tra le tante iniziative messe in campo dal direttivo Anpi Provinciale di Cosenza “Paolo Cappello” per la celebrazione del prossimo 25 Aprile, settantacinquesimo anniversario della Liberazione dal nazifascismo, spicca “Pillole di Partigiani Cosentini”. Il progetto curato da Matteo Dalena (testi e voce), Maria Pina Iannuzzi (voce) e Rodolfo Capoderosa (musiche e montaggio), in collaborazione con l’Icsaic (Istituto Calabrese per la Storia dell’Antifascismo e dell’Italia Contemporanea) presieduto da Paolo Palma, mira a creare un archivio dedicato alla memoria dei partigiani della provincia di Cosenza. Dal 20 al 25 aprile 2020 saranno diffusi i primi cinque brevi videodocumentari che narrano in parole, immagini e musiche le gesta dei partigiani:
Basilio Bianchi (n. Grimaldi 12/11/1924 – m. Biella 22/12/1943)
Ippolito Montalto (n. Sant’Ippolito, Cosenza 25/7/1920 – m. Cosenza 28/2/1978)
Mario Martire (n. Cosenza 10/7/1919 – m. Mauthausen 17/2/1945)
Donato Bendicenti (n. Rogliano 18/10/1908 – m. Roma 24/3/1944) 
Quirino (o Guerino) Ciardullo (n. Dipignano 19/5/1922 – m. Busca 6/6/1944). Continua a leggere

#icsaicdidattica: contro il Covid-19 la storia viene insegnata a distanza

View this post on Instagram

La particolare congiuntura che la comunità scolastica nazionale attraversa ha potenziato i canali e gli strumenti di comunicazione della didattica a distanza. Anche l’Istituto Calabrese per la Storia dell’Antifascismo e dell’Italia Contemporanea (#ICSAIC), con il suo presidente, il direttore, gli organi direttivi e la commissione preposta, coordinata dal Prof. Giuseppe Ferraro, si è mosso per valorizzare forme e modalità di didattica on line. Tra le iniziative ideate, che vedono la collaborazione di docenti e studenti, anche una serie di giochi didattici, quiz multidisciplinari, esercitazioni, approfondimenti e laboratori storici, che quotidianamente vengono pubblicati sulla pagina Instagram dell’Istituto (seguire la pagina @icsaicdidattica). Si tratta di attività che riguardano, ad esempio, la Storia, Cittadinanza e la Costituzione, come anche la storia della musica, del territorio e dello sport. Si ringraziano per la collaborazione e il sostegno tecnico Bruno Pino, membro del Direttivo ICSAIC, e lo studente Quintino Berardi, i collaboratori Luigi Oranges, Pietro De Simone, Mariachiropita Elmo, Alice Graziano, Pietro Cetera, Domenico De Vincenti, Giorgio Cetere, Desirè Arci, Altea Menga, Michela Pittore, Sara Parrilla, Angela Russo, Agostino Acri, Vito Anania, Francesca Smurra e Dennis Pignanelli. I proff. Giuseppe Madeo, Francesco Vulcano, Celeste Caruso, Eugenio Ricchio, Giuseppina Scattarella. Una rete di collaboratori, docenti e simpatizzanti in continua crescita. Un modo per rendere ancora più coesa la comunità di apprendimento, territoriale e nazionale, che non ha confini e affronta sempre nuove sfide. #icsaicdidattica #storiamusicaecultura #icsaicstoria #icsaic

A post shared by ICSAIC Didattica (@icsaicdidattica) on

ICSAIC: sede chiusa fino al 3 aprile

Il Presidente dell’Istituto per la Storia dell’Antifascismo e dell’Italia Contemporanea – Centro Ricerca per le Migrazioni, d’intesa con il Direttivo, comunica che in seguito alle recenti disposizioni della Presidenza del Consiglio dei Ministri inerenti le misure precauzionali per arginare la diffusione del virus COVID-19, l’ICSAIC sospende le attività della sua sede presso la Biblioteca “E. Tarantelli” dell’Università della Calabria fino al prossimo 3 aprile 2020.

In attesa di riprendere normalmente le attività dell’Istituto, si informa che per eventuali contatti ci si potrà servire dell’indirizzo e-mail icsaic@icsaicstoria.it.

Castrovillari, rinviata la presentazione della ristampa di “Approdi”

La presentazione della ristampa di “Approdi”, la rassegna di Lettere e d’Arte diretta da Raoul Maria de Angelis e pubblicata tra il 1928 e il 1929, prevista per sabato 7 marzo a Castrovillari presso la Galleria-Editrice Il Coscile, è stata rinviata a data da destinarsi. Ciò in seguito al Decreto del Presidente del Consiglio che ha disposto la chiusura delle scuole fino al 15 Marzo p.v. e che all’art.1 lettera b recita: “Sono sospese le manifestazioni e gli eventi di qualsiasi natura, svolti in ogni luogo, sia pubblico sia privato, che comportano affollamento di persone tale da non consentire il rispetto della distanza di sicurezza di almeno un metro”.
«L’evento -afferma Vittorio Cappelli, direttore dell’Icsaic e curatore della ristampa anastica pubblicata dall’editore Pellegrini – verrà riprogrammato appena le condizioni lo permetteranno»

Dieci nuove biografie online. Più accessi al sito e più i collaboratori

Altre dieci biografie online si aggiungono al nostro Dizionario Biografico della Calabria Contemporanea. Andiamo avanti speditamente. Aumentano gli accessi al nostro sito e aumentano i collaboratori. E tutto è merito loro che stanno facendo un eccezionale lavoro di qualità come confermano le nuove dieci biografie seguenti: 

Un altro centinaio di voci sono in lavorazione (alcune anche da tempo) e speriamo presto di poterle mettere a disposizione.

Abbiamo un ritmo di crescita incalzante: aumentano le voci del nostro Dizionario

Il ritmo di crescita del nostro Dizionario Biografico della Calabria Contemporanea è, a dir poco, incalzante. Tutto per merito di vecchi e nuovi amici studiosi e ricercatori che offrono la loro preziosa collaborazione. Ormai con cadenza quindicinale pubblichiamo nuove voci. E il nostro sito, grazie a questi contributi, ha avuto accessi impensabili, fino a mille al giorno. 
Pubblichiamo un nuovo blocco di voci che confermano la qualità del lavoro fatto dai loro autori: 

  1. Angherà, Francesco (Fabio Arichetta); 
  2. Blasi, Giuseppe (Letterio Festa); 
  3. Colao,  Domenico (Enzo Le Pera); 
  4. D’Andrea,  Giovanni Andrea (Aldo Lamberti, Carmela Galasso); 
  5. de Fiore, Angelo (Francesca Rennis); 
  6. Fiore, Eduardo (Tarcisio Pingitore); 
  7. Jerace, Gaetano (Enzo Le Pera); 
  8. Jerace, Vincenzo (Enzo Le Pera); 
  9. Mauro, Domenico (Franco Liguori); 
  10. Mirabelli, Roberto (Ferruccio Policicchio); 
  11. Miraglia,  Biagio Gioacchino (Aldo Lamberti); 
  12. Rendano, Alfonso (Massimo Distilo); 
  13. Russo, Achille (Pantaleone Sergi); 
  14. Sammarco, Raffaele (Pantaleone Andria);
  15. Stocco, Francesco (Fabio Arichetta).


Numerose altre voci sono state assegnate a studiosi di diverse specialità e sono in lavorazione. A breve faremo il punto della situazione. Specialmente in alcuni settori come la storia dell’arte dove sono molte le offerte di collaborazione che abbiamo al momento bloccato. Faremo una ricognizione e poi decideremo come procedere. Per il momento è molto confortante il consenso che il Dizionario riceve quotidianamente da ogni parte d’Italia e del Mondo.

Dibattito a Castrovillari su Costituzione e antifascismo

Giovedì 13 febbraio 2020, alle ore 16.30 presso la sala consiliare del Palazzo di Città di Castrovillari, è in programma l’iniziativa “La Costituzione Italiana e il valore dell’antifascismo”. Un momento di approfondimento per sottolineare lo stretto rapporto tra la Carta fondamentale dello Stato italiano e uno dei valori che accomunarono le diverse forze politiche unite per ricostruire il sistema democratico all’indomani del II conflitto mondiale.
L’iniziativa vedrà la partecipazione dell’ICSAIC, Istituto Calabrese per la Storia dell’Antifascismo e dell’Italia Contemporanea, insieme all’ANPI provinciale, alla CGIL Pollino-Sibaritide-Terreno, all’Associazione Italiana di Cultura Classica AICC, al Gruppo Archeologico del Pollino, alla Delegazione FAI del Pollino, all’Accademia Pollineana, all’Associazione Italiana Giovani Avvocati AIGA e alle Associazioni Terza Età “Varcasia” e “Amicizia”. Significativa la presenza degli studenti degli istituti scolastici del territorio, in particolare l’ITIS “Fermi”, l’IIS “Mattei-Pitagora-Calvosa”, l’IPSEOA “Wojtyla” e la Scuola secondaria di I grado e Scuola Elementare “SS. Medici”.
Introduce e coordina l’iniziativa Leonardo Di Vasto, Presidente ANPI di Castrovillari, mentre porteranno i loro saluti il sindaco Domenico Lo Polito, la presidente provinciale ANPI Maria Pina Iannuzzi e i dirigenti scolastici Rossana Perri e Bruno Barreca.
Nel corso dell’evento interverranno il responsabile ANPI del Mezzogiorno Vincenzo Calò, il segretario CGIL Pollino-Sibaritide-Tirreno Giuseppe Guido e il vicepresidente dell’ICSAIC Francesco Spingola. Le conclusioni saranno affidate ad Antonio D’Andrea, docente di Diritto Costituzionale dell’Università di Brescia.
La manifestazione presso il Palazzo di Città seguirà l’inaugurazione della sezione ANPI di Castrovillari presso la sede CGIL di via Alfano n. 12, in programma alle ore 16.00.

Giornale di Storia Contemporanea, nuovo numero in distribuzione

Sarà a giorni in distribuzione, grazie all’impegno dell’editore Pellegrini, il nuovo numero del “Giornale di Storia Contemporanea” (2, 2019). Si tratta di un fascicolo molto ricco, dedicato ad argomenti di grande interesse storiografico. Ecco il suo INDICE: Pasquale Iaccio, Il cinema della Grande Guerra tra film di finzione e documentari; Pietro Neglie, Fiume, città contesa. Un laboratorio imperfetto e contraddittorio?; Alberto Stramaccioni, Dall’«Armadio» all’Atlante. Le dinamiche stragiste in Italia Centrale. Storia, interpretazioni, comparazioni; Giorgia Perletta, Dal quietismo all’attivismo politico. Il coinvolgimento del clero iraniano nella Rivoluzione costituzionale (1905-1906); Natale Vescio, Istituzioni e politiche pubbliche nelle Lettere sullo Stato moderno di Francesco Fiorentino; Alicia Bernasconi, Teatri, immigrazione e modernizzazione urbana nella pampa argentina all’inizio del Novecento: il caso del Teatro Municipal di San Nicolás de los Arroyos; Giulia Murace, Larisa Mantovani, Il Teatro 3 de Febrero di Paranà. Élites urbane, istituzioni artistiche e sociabilità in una provincia dell’Argentina a inizio Novecento, Ivan Sergio, Il caso di Enrico Piccione in Cile nella stampa etnica e nei documenti diplomatici italiani (1897-1914). Seguono recensioni, autori e norme redazionali.

Ora sono duecento le biografie online!

Quota duecento! Sono tante le voci online del nostro Dizionario Biografico della Calabria Contemporanea che cresce giorno dopo giorno grazie al contributo di qualificati studiosi. Questi i tredici ultimi “ingressi” e i nomi degli autori: Bosco, Umberto (Franco Liguori)Cingari, Gaetano (Giuseppe Caridi)Damis, Pier Domenico (Cesare Minicucci)De Marco, Michele “Ciardullo” (Aldo Lamberti)Larussa, Rocco (Maria Teresa Sorrenti)Mantica, Francesco (Massimo Distilo)Miraglia, Biagio (Franco Liguori)Pasquale, Giuseppe Antonio (Giovanni Quaranta)Scaglione, Gaetano (Pantaleone Sergi)Scura, Pasquale (Francesco Vaccaro)Talarico, Vincenzo (Franco Liguori)Todaro, Francesco (Aldo Lamberti)Zerbi, Candido (Rocco Liberti).

ICSAIC, digitalizzato l’Archivio del PCI di Nicastro. Consultabili online 14 mila immagini

Documenti e memoria storica: è online l’Archivio del Pci di Nicastro, digitalizzato dall’ICSAIC in collaborazione con la Soprintendenza archivistica della Calabria.

Al termine del lavoro di digitalizzazione, l’ICSAIC mette online, a disposizione degli studiosi della storia politica della nostra regione, tutta la documentazione del Partito Comunista Italiano – Sezione di Nicastro, che che va dal 1944 al 1983, e consiste in 128 fascicoli, raccolti in 16 buste, e strutturato in 14 serie.

Continua a leggere

ICSAIC: nominati dieci delegati corrispondenti

Il Consiglio Direttivo dell’Istituto Calabrese per la Storia dell’Antifascismo e dell’Italia Contemporanea (ICSAIC), presieduto dall’on. Paolo Palma, ha proceduto alla nomina di dieci Delegati Corrispondenti. Le nomine sono state deliberate in attuazione di una nuova norma dello Statuto che mira a intensificare la presenza dell’IIcsaic sull’intero territorio regionale per le attività culturali e di ricerca storiografica nonché di didattica della storia al servizio delle scuole calabresi. Questi i loro nomi: Luigi Ambrosi (Milano, dove ha sede l’Istituto Parri cui l’ICSAIC è affiliato), Enzo D’Agostino (Siderno), Alfredo Focà (Reggio Calabria), Vincenzo Gentile (S. Giovanni in Fiore), Michele la Rocca (Vibo Valentia), Franco Liguori (Cariati), Saverio Napolitano (Liguria), Antonio Orlando (Cittanova), Christian Palmieri (Crotone), Mario Saccà (Catanzaro).
Di seguito le loro biografie.

Continua a leggere

Altre 11 biografie arricchiscono il nostro Dizionario Biografico: ora sono 181 voci

Altre undici voci vanno ad arricchire il nostro “Dizionario Biografico della Calabria Contemporanea” che a oggi ne conta 181. Un successo reso possibile dalla collaborazione entusiasta della comunità scientifica che ha fatto proprio il progetto cofinanziato dalla Regione Calabria nell’ambito del  Pac Calabria 2015-2020. Di seguito l’elenco delle nuove voci e degli autori. Albino, Lorenzo (Pino Nano); Bellissimo, Domenico (Letterio Licordari); Butera, Vittorio (Mario Saccà); Crupi, Pasquino (Santino Salerno); De Giorgio, Domenico (Rocco Liberti); De Santis Tanino (Franco Liguori); Evoli, Tiberio (Pantaleone Sergi); Liguori, Cataldo (Assunta Scorpiniti); Malara, Nino (Antonio Orlando); Pirozzo, Cosmo (Antonio Orlando); Zappone, Domenico (Santino Salerno). 

Ancora quindici biografie di calabresi contemporanei. Cresce il “Dizionario”

Ancora quindici biografie di calabresi illustri, noti e meno noti, vanno ad arricchire il “Dizionario Biografico della Calabria Contemporanea” che il nostro istituto sta curando nell’ambito del progetto “Politica e cultura in Calabria” cofinanziato dalla Regione Calabria (PAC 2014-2020 – Annualità 2018 – Azione 3 – Tip. 3.2), È costante, infatti, il contributo di qualificati ricercatori, giornalisti, docenti e studiosi in genere calabresi e non solo che lavorano anche fuori dalla Calabria e con generosità sono impegnati nella realizzazione di schede biografiche. Con questo nuovo gruppo le biografie online diventano 171, mentre altre numerose sono in lavorazione.
Di seguito i nomi dei biografati e tra parentesi gli autori: Altomare, Umberto (Alessandra Pagano); Creazzo, Carlo (Massimo Distilo); De Luca, Florindo (Fulvio Mazza); La Cava, Mario (Ilenia Marrapodi); Liguori, Saverio (Paolo Ferroni); Marino, Luigi (Rocco Liberti); Marrari, Gaetano (Letterio Licordari); Misefari, Bruno (Antonio Orlando); Mortati, Costantino (Saverio Gentile); Napoli, Vito (Pino Nano); Patari, Giovanni (Franco Liguori); Sarcone, Gennaro (Leonardo Falbo); Scerbo, Francesco (Mario Saccà); Sofrà, Giovanni (Antonio Orlando); Suraci, Paolo (Pantaleone Sergi).