Leggi razziali e laboratori didattici sulla storia. Due iniziative con l’ICSAIC a Corigliano-Rossano il 19 febbraio

Ancora due approfondimenti sulla storia contemporanea a cui prenderà parte l’ICSAIC che si svolgeranno a Rossano Corigliano mercoledì 19 febbraio.
Il primo appuntamento è all’Istituto scolastico “Ettore Majorana”, zona urbana di Rossano, nell’Aula Magna, a partire dalla 11.15. Il tema al centro dell’iniziativa verte su “Le leggi razziali in Italia: pregiudizio, propaganda, violenza”. Intervengono: la dott.ssa Pina De Martino, dirigente dell’Istituto, il prof. Giuseppe Ferraro, coordinatore della Commissione didattica dell’ICSAIC e il prof. Raffaele Pellegrino, docente di Storia e Filosofla al Liceo “San Benedetto” di Conversano (Ba). Le relazioni sono incentrate sull’impatto che ebbero le leggi razziali in Italia. Una giornata per ricordare e acquisire sempre più coscienza del passato.
Seguirà nel pomeriggio al Polo liceale di Rossano, dalle ore 15.30, l’iniziativa “Il Laboratorio dello Storico: Musica, Memoria e Clio”, a cura di Stefania Frau e Giuseppe Ferraro, in collaborazione con l’Istituto per la Storia del Risorgimento Italiano, il Polo liceale e l’ICSAIC. A discutere sul tema con le classi coinvolte (III, IV e V C dello Scientifico, e I A, I B, II A e IV A del Classico) saranno i professori Raffaele Pellegrino e Antonio Bevacqua (brevi profili dei docenti sulla locandina).

Dibattito a Castrovillari su Costituzione e antifascismo

Giovedì 13 febbraio 2020, alle ore 16.30 presso la sala consiliare del Palazzo di Città di Castrovillari, è in programma l’iniziativa “La Costituzione Italiana e il valore dell’antifascismo”. Un momento di approfondimento per sottolineare lo stretto rapporto tra la Carta fondamentale dello Stato italiano e uno dei valori che accomunarono le diverse forze politiche unite per ricostruire il sistema democratico all’indomani del II conflitto mondiale.
L’iniziativa vedrà la partecipazione dell’ICSAIC, Istituto Calabrese per la Storia dell’Antifascismo e dell’Italia Contemporanea, insieme all’ANPI provinciale, alla CGIL Pollino-Sibaritide-Terreno, all’Associazione Italiana di Cultura Classica AICC, al Gruppo Archeologico del Pollino, alla Delegazione FAI del Pollino, all’Accademia Pollineana, all’Associazione Italiana Giovani Avvocati AIGA e alle Associazioni Terza Età “Varcasia” e “Amicizia”. Significativa la presenza degli studenti degli istituti scolastici del territorio, in particolare l’ITIS “Fermi”, l’IIS “Mattei-Pitagora-Calvosa”, l’IPSEOA “Wojtyla” e la Scuola secondaria di I grado e Scuola Elementare “SS. Medici”.
Introduce e coordina l’iniziativa Leonardo Di Vasto, Presidente ANPI di Castrovillari, mentre porteranno i loro saluti il sindaco Domenico Lo Polito, la presidente provinciale ANPI Maria Pina Iannuzzi e i dirigenti scolastici Rossana Perri e Bruno Barreca.
Nel corso dell’evento interverranno il responsabile ANPI del Mezzogiorno Vincenzo Calò, il segretario CGIL Pollino-Sibaritide-Tirreno Giuseppe Guido e il vicepresidente dell’ICSAIC Francesco Spingola. Le conclusioni saranno affidate ad Antonio D’Andrea, docente di Diritto Costituzionale dell’Università di Brescia.
La manifestazione presso il Palazzo di Città seguirà l’inaugurazione della sezione ANPI di Castrovillari presso la sede CGIL di via Alfano n. 12, in programma alle ore 16.00.

Shoah, laboratori didattici al Polo liceale di Rossano

Continua l’impegno dell’ICSAIC per tenere vivo il ricordo della Shoah, lo sterminio del popolo ebraico perpetrato dai nazisti. Oltre alle iniziative che si sono già tenute in diverse scuole calabresi in concomitanza della Giornata della Memoria, l’Istituto Calabrese per la Storia dell’Antifascismo e dell’Italia Contemporanea, patrocina un interessante incontro organizzato dall‘Istituto di Istruzione Superiore – Liceo Scientifico – Classico – Linguistico e Artistico di Corigliano Rossano area urbana di Rossano che si terrà il prossimo venerdì 7 febbraio.
Nunca mas!” è il titolo dei laboratori didattici che si svolgeranno a partire dalle 9.10 nell’Auditorium del Liceo Scientifico. Previsto in apertura l’intervento di saluto del Dirigente scolastico, al quale seguiranno gli approfondimenti curati dagli studenti delle classi V del Polo Liceale.

Le iniziative dell’ICSAIC per il Giorno della Memoria

È una data significativa quella del 27 gennaio, scelta nel 2005 per ricordare ogni anno la Shoah, lo sterminio del popolo ebraico perpetrato dai nazisti. In questo giorno del 1945, infatti, l’Armata Rossa liberava il campo di concentramento di Auschwitz, ridando libertà e dignità ai prigionieri lì detenuti. L’Istituto Calabrese per la Storia dell’Antifascismo e dell’Italia Contemporanea, condividendo i valori alla base del Giorno della Memoria, è impegnato in questi giorni in varie iniziative dedicate a mantenere vivo il ricordo di quanto accaduto.
Tra le manifestazioni si segnala l’iniziativa in programma lunedì 27 gennaio 2020 a Rossano, presso l’Auditorium Amarelli di contrada Frasso, dove alle 10 si terrà un approfondimento su “Gli internati militari italiani, l’eroica figura del colonnello Fabio Martucci”. Dopo l’apertura con proiezione di filmati e intrattenimento musicale a cura di Pino e Alessio Salerno, porteranno i loro saluti ai presenti il dott. Fortunato Amarelli, la dirigente dell’ITIS-ATAS-ITC di Corigliano Rossano Anna Maria Di Cianni, la presidente della Commissione Cultura del comune di Corigliano Rossano Alessia Alboresi ed il sindaco Flavio Stasi. Interverranno la dott.ssa Claudia Martucci, il prof. Giuseppe Ferraro, membro direttivo dell’ICSAIC, e lo storico Franco Filareto. Le conclusioni dell’evento, moderato dal prof. Sandrino Fullone, saranno affidate al presidente dell’Ass. Rossanesi nel Mondo cav. Mario Scorza. La manifestazione è organizzata in sinergia con l’ITIS-ITAS-ITC e grazie all’attività didattica promossa dalla docente Irene Collia.
Nel pomeriggio dello stesso giorno, appuntamento a Sibari alle ore 17.30 per l’incontro dedicato al Giorno della Memoria presso il salone della chiesa del Buon Pastore. Dopo i saluti del parroco Pietro Groccia e del sindaco di Cassano Gianni Papasso, interverranno il Leonardo Alario, presidente dell’Istituto di Ricerca e di Studi di Demoantologia e Dialettologia, e il coordinatore della Commissione didattica dell’ICSAIC Giuseppe Ferraro. All’iniziativa prenderanno parte anche le scuole del circondario.
Tra le manifestazioni in programma per il 2020 bisogna citare anche l’evento tenutosi lo scorso 22 gennaio nella vicina Basilicata a Senise, in provincia di Potenza. L’iniziativa, svoltasi presso il locale Istituto Statale di Istruzione Superiore “Leonardo Sinisgalli”, ha visto gli interventi del prof. Pantaleone Sergi, membro del direttivo ICSAIC e presidente del Centro Ricerca Migrazioni, e di Giuseppe Ferraro. Ha portato i suoi saluti ai presenti il dirigente scolastico Rosa Schettini e agli interventi è seguito un interessante dibattito tra i relatori e gli studenti intervenuti.

Catanzaro, il 29 gennaio presentazione della ristampa della rivista “Approdi”

La ristampa anastatica di Approdi di Raoul Maria De Angelis, curata dallo storico Vittorio Cappelli ed edita da Pellegrini, grazie alla collaborazione dell’Assessorato alla Cultura della Regione Calabria, sarà presentata al Circolo di Cultura “Augusto Placanica” di Catanzaro. L’appuntamento è per il 29 gennaio alle 18. Per il circolo porterà i saluti all’uditorio il presidente Venturino Lazzaro. A seguire, gli interventi di Luigi La Rosa past presidente dell’associazione ospitante e dello storico Vittorio Cappelli, direttore dell’Icsaic.

Le locandine ICSAIC 2019

Il 2019 è stato per l’Istituto Calabrese per la Storia dell’Antifascismo e dell’Italia Contemporanea un anno intenso e ricco di attività.
Ve ne presentiamo una sintesi attraverso le locandine dei vari eventi che l’ICSAIC ha organizzato, patrocinato o che hanno visto come protagonisti esponenti dell’Istituto.
Vi giungano così gli auguri per un felice 2020, che per l’ICSAIC sarà pieno di nuove iniziative.

ICSAIC, digitalizzato l’Archivio del PCI di Nicastro. Consultabili online 14 mila immagini

Documenti e memoria storica: è online l’Archivio del Pci di Nicastro, digitalizzato dall’ICSAIC in collaborazione con la Soprintendenza archivistica della Calabria.

Al termine del lavoro di digitalizzazione, l’ICSAIC mette online, a disposizione degli studiosi della storia politica della nostra regione, tutta la documentazione del Partito Comunista Italiano – Sezione di Nicastro, che che va dal 1944 al 1983, e consiste in 128 fascicoli, raccolti in 16 buste, e strutturato in 14 serie.

Continua a leggere

“A scuola di didattica della Storia. Insegnare il Novecento a scuola”. Partecipato l’incontro di Crotone

di Chistian Palmieri*

CROTONE – Si è tenuto il 4 dicembre scorso presso la splendida cornice dell’aula magna del Liceo classico “Pitagora” di Crotone l’incontro “A scuola di didattica della Storia. Insegnare il Novecento a scuola”.
L’iniziativa, promossa dall’Istituto Calabrese per la Storia dell’Antifascismo e dell’Italia Contemporanea (ICSAIC), con la collaborazione dell’Istituto per la storia del Risorgimento italiano-Comitato di Cosenza e della Deputazione storia patria per la Calabria, attraverso la presentazione di un caso-tipo rappresentato dallo studio del prof. Giuseppe Ferraro («Resistere». Trincea e prigionia nell’Archivio Barberio. Con le biografie dei prigionieri di Dunaszerdahely in Ungheria, Luigi Pellegrini Editore, Cosenza 2018), è servita per avvicinare i ragazzi delle ultime classi allo studio della Storia. Continua a leggere

“Storia in classe”. Appuntamento al Liceo di Cariati l’11 dicembre

L’iniziativa si svolgerà mercoledì 11 dicembre presso il Liceo di Cariati a partire dalle ore 11 e sarà un modo per fare dialogare la ricerca universitaria con la didattica nelle scuole attraverso la presentazione del volume di Giuseppe Ferraro «Resistere». Trincea e prigionia nell’Archivio Barberio”. Con le biografie dei prigionieri di Dunaszerdahely in Ungheria. Il libro è frutto delle ricerche portate avanti dall’ICSAIC. All’iniziativa interverrà la dirigente scolastica Giulia Sara Aiello, i docenti, le famiglie e gli studenti. Destini individuali e collettivi, grandi e piccoli eventi, narrazione e interpretazione, si intrecciano nelle varie fasi di questa ricerca offrendo un quadro originale e per molti aspetti unico della Grande guerra a 100 anni dalla sua fine. Continua a leggere

Convegno sul Popolarismo nel Mezzogiorno: in rete tutti gli interventi

Sono state pubblicate in rete, sul canale YouTube del Dipartimento di Scienze politiche e sociali dell’UniCal, le relazioni e le comunicazioni presentate dagli studiosi al convegno “Alla scuola di don Sturzo: il popolarismo nel Mezzogiorno. A cento anni dall’Appello ai Liberi e Forti”, organizzato dall’ICSAIC e tenutosi lo scorso 13 novembre presso l’Università della Calabria.
È possibile accedere alla pagina contenente tutti gli interventi sul portale del DISPeS attraverso il seguente link:

“Alla scuola di don Sturzo: il popolarismo nel Mezzogiorno.
A cento anni dall’Appello ai Liberi e Forti”

Si ringrazia il Dipartimento di Scienze politiche e sociali dell’UniCal e Agostino Conforti per le riprese video.

La storia del Novecento nelle scuole calabresi. A Crotone un incontro dell’ICSAIC per parlare della Grande Guerra

A scuola di didattica della storia. Insegnare il Novecento a scuola”. Si tratta di una serie di incontri promossi dall’ICSAIC, Istituto per la Storia dell’Antifascismo e dell’Italia Contemporanea che ha sede all’Università della Calabria, dedicati agli studenti delle scuole calabresi.
Il prossimo appuntamento in calendario è previsto per mercoledì 4 dicembre, a partire dalle 11, nei locali del Liceo Classico “Pitagora” di Crotone.
Il programma dell’approfondimento, rivolto sia agli studenti delle quinte classi che ai docenti, sarà aperto dal saluto della Dirigente Vita Ventrella e dall’intervento di Christian Palmieri, delegato corrispondente ICSAIC. Proseguirà con la presentazione del libro “Resistere. Trincea e prigionia nell’Archivio Barberio” di Giuseppe Ferraro, edito da Pellegrini di Cosenza, e realizzato con il contributo della Regione Calabria. Continua a leggere

Altre 11 biografie arricchiscono il nostro Dizionario Biografico: ora sono 181 voci

Altre undici voci vanno ad arricchire il nostro “Dizionario Biografico della Calabria Contemporanea” che a oggi ne conta 181. Un successo reso possibile dalla collaborazione entusiasta della comunità scientifica che ha fatto proprio il progetto cofinanziato dalla Regione Calabria nell’ambito del  Pac Calabria 2015-2020. Di seguito l’elenco delle nuove voci e degli autori. Albino, Lorenzo (Pino Nano); Bellissimo, Domenico (Letterio Licordari); Butera, Vittorio (Mario Saccà); Crupi, Pasquino (Santino Salerno); De Giorgio, Domenico (Rocco Liberti); De Santis Tanino (Franco Liguori); Evoli, Tiberio (Pantaleone Sergi); Liguori, Cataldo (Assunta Scorpiniti); Malara, Nino (Antonio Orlando); Pirozzo, Cosmo (Antonio Orlando); Zappone, Domenico (Santino Salerno). 

Convegno ICSAIC sul Popolarismo nel Mezzogiorno. La rassegna stampa

Articoli di Lorenzo Coscarella, Franco Liguori, Paolo Palma, Umberto Tarsitano, Nicoletta Toselli. Foto di Letterio Licordari, Bruno Pino.

Il convegno “Alla scuola di don Sturzo: il popolarismo nel Mezzogiorno. A cento anni dall’Appello ai Liberi e Forti”, organizzato dall’ICSAIC e tenutosi lo scorso 13 novembre all’UniCal, ha rappresentato un eccezionale momento di riflessione sulle caratteristiche e sulle vicende del popolarismo meridionale.
Dopo il saluto del presidente dell’ICSAIC Paolo Palma e del direttore del DISPeS Francesco Raniolo, l’on. Raffaele Cananzi ha presentato la prima sessione con le relazioni di mons. Leonardo Bonanno, Roberto Violi e Daria De Donno. Nella seconda sessione, presieduta da Antonello Costabile, si sono registrati invece gli interventi di Giuseppe Palmisciano, Franco Altimari e la comunicazione inviata da Vittorio De Marco. Nel pomeriggio, Vittorio Cappelli ha presieduto la sessione che, oltre alla sua comunicazione, ha presentato i contenuti dei lavori di Giuseppe Ferraro, Vincenzo Tucci e Lorenzo Coscarella. I numerosi interventi dei presenti hanno poi puntato l’attenzione su alcune questioni specifiche durante la tavola rotonda finale, lasciando nuovamente al presidente Palma le conclusioni dell’iniziativa.
Presentiamo qui di seguito articoli, comunicati e altro materiale riguardante il convegno, con un’attenzione particolare sugli articoli pubblicati dalla stampa:

Alcune immagini del convegno
(foto di Bruno Pino e Letterio Licordari)

Il saluto del presidente Palma al convegno sul popolarismo nel Mezzogiorno

Il convegno è stato dedicato ad Antonio Guarasci, Pietro Borzomati, Luigi Intrieri e Maria Mariotti: gli storici calabresi che hanno aperto le prime piste della ricerca su questi temi e hanno ben meritato della cultura storiografica nazionale.

Mercoledì 13 novembre si è svolto all’University Club dell’Università della Calabria il convegno nazionale “Alla scuola di don Sturzo: il popolarismo nel Mezzogiorno. A cento anni dall’Appello ai Liberi e Forti” organizzato dall’ICSAIC in collaborazione con il Dipartimento di Scienze Politiche e Sociali dell’Unical, l’Istituto Luigi Sturzo di Roma e la Fondazione Carical.


Pubblichiamo il saluto del presidente Paolo Palma.

L’anno sturziano volge al termine. È stato un anno di riflessioni intense per il centenario del Partito Popolare Italiano. Questo è uno degli ultimi, forse l’ultimo, convegno del 2019 sul tema, al quale l’ICSAIC, piccolo ma antico e operoso istituto di ricerca e di didattica della storia, radicato in questa regione, ha voluto dare un respiro meridionalistico, un territorio di riferimento più ampio in cui inserire il popolarismo calabrese.
Questo convegno segue di poche settimane al seminario di verifica della ricerca sul popolarismo nel Mezzogiorno, coordinata dal qui presente prof. Violi per conto dell’Istituto Sturzo di Roma e dell’Istituto di Studi Politici San Pio V, cui ho avuto il piacere di partecipare il 25 settembre scorso. Oso sperare che la pubblicazione degli Atti di quella ricerca e dell’odierno convegno possano costituire, insieme, un aggiornamento serio degli studi sul Partito Popolare Italiano in un’ottica meridionalistica Continua a leggere