Festa della Liberazione a Castrovillari

A Castrovillari, con la collaborazione dell’Icsaic che interverrà con il suo vicepresidente Franco Spingola, sarà celebrata la Festa della Liberazione. Organizzata dalla Associazione italiana di cultura classica (Aicc) e dalla Biblioteca civica “Umberto Caldora”, con il patrocinio dell’amministrazione comunale, una iniziativa che ripropone con forza i valori della tradizione si terrà, infatti, il 24 aprile nel Salone di Palazzo di Città alle 17. Continua a leggere

Rossano. Clio storie: per un racconto didattico della Prima Guerra Mondiale

di Matteo Minervini

Il 28 Aprile, alle ore 11:20, con la collaborazione del nostro istituto, si svolgerà un importante seminario didattico presso l’Aula Magna del Liceo Scientifico di Rossano. Infatti, gli alunni della classe V A, coordinati dal professore Giuseppe Ferraro, dottore di ricerca presso l’Università della Repubblica di San Marino e membro del comitato scientifico delll’ICSAIC (Istituto calabrese per la storia dell’antifascismo e dell’Italia contemporanea), presenteranno un racconto della Prima Guerra Mondiale totalmente originale. La Grande Guerra, difatti, verrà descritta sotto nuovi punti di vista e sotto realtà ben approfondite: si tratterà di alimentazione dei soldati, lettere dal fronte, animali in guerra, discorso religioso sulla guerra e l’eroismo e la decimazione della Brigata “Catanzaro”. Continua a leggere

“Manifesti del passato”. Crotone e la Grande Guerra: mostra e convegno

La Storia si può raccontare in tanti modi. La scelta dell’assessorato alla Cultura del Comune di Crotone, per raccontare la Grande Guerra, di cui ricorre l’anno conclusivo del centenario (1918-2018), è stata quella di utilizzare i manifesti storici che erano conservati nell’archivio storico del Comune e che riportano all’atmosfera e al clima degli anni del periodo bellico. La mostra “Manifesti dal Passato – Crotone e la Grande Guerra”, già presentata nell’anno dell’avvio dei festeggiamenti del centenario (maggio 2015), sarà inaugurata il prossimo giovedì 19 aprile con la presentazione del libro Dalle trincee alle retrovie. I molti fronti della Grande guerra, curato da Giuseppe Ferraro, dottore di ricerca presso l’Università di San Marino, nell’ambito delle attività dell’Istituto Calabrese per la storia dell’antifascismo e dell’Italia contemporanea (Icsaic) che ha sede presso l’Università della Calabria. Continua a leggere

Fucilazione Brigata Catanzaro a Santa Maria la Longa

 a cura di Giulia Sattolo

La Brigata Catanzaro durante la prima guerra mondiale si meritò due medaglie al valor militare. Essa fece parte delle 25 brigate di nuova formazione nel 1915 e fu costituita dal 141° Reggimento Fanteria e dal 142°. Il 141° era formato prevalentemente da ragazzi nativi della Calabria; da Catanzaro e da Reggio Calabria. Ma massiccia fu pure la presenza di siciliani e pugliesi. Il 141° Reggimento Fanteria, nato nell’imminenza della guerra, fu impegnato per oltre due anni sul fronte più duro, quello del Carso. La Brigata Catanzaro fu inviata in Friuli dove fu inquadrata nella Terza Armata, che obbediva, e di ciò si gloriava, agli ordini di Emanuele Filiberto di Savoia, Duca d’Aosta. L’articolo completo di Giulia Sattolo si trova QUI.

La decimazione della Catanzaro

Giuseppe Mimmi (Spoleto, 1885 / 1966) sottotenente, dapprima nel 90° reggimento fanteria, brigata Salerno, poi nel 142° fanteria, brigata Catanzaro,  è autore di una memoria di guerra che è stata consegnato all’Archivio Diaristico Nazionale di Pieve Santo Stefano nel 2000. L’autore ha scritto la sua testimonianza dopo la fine della guerra basandosi sulle lettere che dal fronte aveva scritto alla fidanzata, in cui racconta fucilazioni, decimazionidisciplina militare, morti, orrori a Santa Maria La Longa (UD) il 15 luglio 1917  Mimmi vive sulla propria pelle l’esperienza della prima linea e resterà ferito nell’agosto del 1917. Da quel momento in poi la sua diventa una guerra di retrovia, dato che viene assegnato al Tribunale militare in servizio sedentario. La sua testimonianza, particolarmente significativa, è rintracciabile al seguente indirizzo: http://espresso.repubblica.it/grandeguerra/index.php?page=estratto&id=655

Clio: una Storia al femminile. Seminario con l’Icsaic ai Licei di Luzzi

Clio: una Storia al femminile. Percorsi di storie di genere nella didattica. Su questo tema si è svolta nella giornata del 6 marzo presso il Liceo Classico e Liceo artistico di Luzzi un seminario di studi a cura dei docenti del dipartimento di studi umanistici dei due istituti scolastici.L’iniziativa è stata patrocinata dall’Istituto calabrese per la storia dell’antifascismo e dell’Italia contemporanea. Dopo i saluti della Dirigente scolastica Prof.ssa Clementina Iannuzzi è seguito l’intervento del Prof. Giuseppe Ferraro per quanto riguarda il percorso di affermazione nel corso del Novecento dei diritti civili e politici delle donne. Subito dopo sono stati presentati i vari percorsi didattici digitali sulla storia di genere dall’antichità all’età contemporanea frutto del lavoro delle varie classi del liceo e coordinati dalle professoresse Bernadette Pepe, Giuditta Bosco, Maria Luisa Aloe, Emilia Corniola e Wanda Greco.

Il progetto “Grande Guerra” di Icsaic e Regione Calabria avviato a Mirto Crosia

Mirto, il pubblico presente all’iniziativa organizzata dal Circolo Zanotti Bianco

Nell’ambito del progetto approvato dalla Regione Calabria, il nostro Istituto ha avviato le attività per celebrare i 100 anni dalla fine della Prima guerra mondiale (1918-2018) e approfondire nelle scuole la conoscenza storica delle vicende relative all’eroica Brigata Catanzaro, una grande unità di fanteria del Regio Esercito italiano attiva nel corso della prima guerra mondiale. La prima tappa di questo percorso, che sarà portato avanti per tutto il 2018, è stata realizzata venerdì 16 febbraio nel Salone del Circolo socio-culturale “Zanotti Bianco” di Mirto Crosia per iniziativa dell’ing. Francesco Rizzo, in collaborazione con il Liceo scientifico di Cariati, il Liceo Classico di Rossano, il Liceo delle Scienze Umane “San Pio X” di Rossano, l’Istituto comprensivo di Mirto. Continua a leggere

Il partigiano Carmine commemorato per iniziativa di Anpi, Cgil e Icsaic

Nel quadro delle iniziative per il “Giorno della memoria” a cui il nostro istituto ha aderito e partecipato anche fuori dai confini regionali, il presidente dell’istituto ha partecipato al convegno che l’Anpi e la Cgil di Vibo Valentia hanno organizzato in memoria del partigiano Carmine Fusca, scomparso il 25 dicembre scorso

Il partigiano Carmine Fusca (scomparso lo scorso Natale) è stato ricordato nel “giorno della memoria”. L’iniziativa si è svolta nella sala conferenze del Palazzo Municipale di Limbadi (Fusca è sempre vissuto nella piccola frazione di San Nicola de’ Legistis). Nell’occasione, oltre al sindaco Pino Morello e al presidente dell’Anpi di Vibo Valentia Silvestro Scalamandrè, sono intervenuti Pantaleone Sergi (presidente dell’ICSAIC), e il segretario provinciale della Cgil Luigi De Nardo. Continua a leggere