ICSAIC, digitalizzato l’Archivio del PCI di Nicastro. Consultabili online 14 mila immagini

Documenti e memoria storica: è online l’Archivio del Pci di Nicastro, digitalizzato dall’ICSAIC in collaborazione con la Soprintendenza archivistica della Calabria.

Al termine del lavoro di digitalizzazione, l’ICSAIC mette online, a disposizione degli studiosi della storia politica della nostra regione, tutta la documentazione del Partito Comunista Italiano – Sezione di Nicastro, che che va dal 1944 al 1983, e consiste in 128 fascicoli, raccolti in 16 buste, e strutturato in 14 serie.

Continua a leggere

ICSAIC: nominati dieci delegati corrispondenti

Il Consiglio Direttivo dell’Istituto Calabrese per la Storia dell’Antifascismo e dell’Italia Contemporanea (ICSAIC), presieduto dall’on. Paolo Palma, ha proceduto alla nomina di dieci Delegati Corrispondenti. Le nomine sono state deliberate in attuazione di una nuova norma dello Statuto che mira a intensificare la presenza dell’IIcsaic sull’intero territorio regionale per le attività culturali e di ricerca storiografica nonché di didattica della storia al servizio delle scuole calabresi. Questi i loro nomi: Luigi Ambrosi (Milano, dove ha sede l’Istituto Parri cui l’ICSAIC è affiliato), Enzo D’Agostino (Siderno), Alfredo Focà (Reggio Calabria), Vincenzo Gentile (S. Giovanni in Fiore), Michele la Rocca (Vibo Valentia), Franco Liguori (Cariati), Saverio Napolitano (Liguria), Antonio Orlando (Cittanova), Christian Palmieri (Crotone), Mario Saccà (Catanzaro).
Di seguito le loro biografie.

Continua a leggere

Altre biografie per il Dizionario

Nuove biografie per il “Dizionario Biografico della Calabria Contemporanea” che si arricchisce giorno dopo giorno grazie al contributo di studiosi e ricercatori. Dal 2 dicembre 2019 sono online le seguenti nuove voci: Cambria, Adele (Letterio Licordari)Morelli, Donato (Ferdinando Perri)Murizzi, Rocco Bruno (Rocco Liberti); Murmura, Antonino  (Pino Nano)Scopelliti, Antonino (Letterio Licordari). Grazie agli autori e a tutti gli amici che stanno lavorando su altre numerose biografie che contiamo di mettere a disposizione entro breve tempo.

Convegno sul Popolarismo nel Mezzogiorno: in rete tutti gli interventi

Sono state pubblicate in rete, sul canale YouTube del Dipartimento di Scienze politiche e sociali dell’UniCal, le relazioni e le comunicazioni presentate dagli studiosi al convegno “Alla scuola di don Sturzo: il popolarismo nel Mezzogiorno. A cento anni dall’Appello ai Liberi e Forti”, organizzato dall’ICSAIC e tenutosi lo scorso 13 novembre presso l’Università della Calabria.

È possibile accedere alla pagina contenente tutti gli interventi sul portale del DISPeS attraverso il seguente link:

“Alla scuola di don Sturzo: il popolarismo nel Mezzogiorno.
A cento anni dall’Appello ai Liberi e Forti”

Si ringrazia il Dipartimento di Scienze politiche e sociali dell’UniCal e Agostino Conforti per le riprese video.

La storia del Novecento nelle scuole calabresi. A Crotone un incontro dell’ICSAIC per parlare della Grande Guerra

A scuola di didattica della storia. Insegnare il Novecento a scuola”. Si tratta di una serie di incontri promossi dall’ICSAIC, Istituto per la Storia dell’Antifascismo e dell’Italia Contemporanea che ha sede all’Università della Calabria, dedicati agli studenti delle scuole calabresi.
Il prossimo appuntamento in calendario è previsto per mercoledì 4 dicembre, a partire dalle 11, nei locali del Liceo Classico “Pitagora” di Crotone.
Il programma dell’approfondimento, rivolto sia agli studenti delle quinte classi che ai docenti, sarà aperto dal saluto della Dirigente Vita Ventrella e dall’intervento di Christian Palmieri, delegato corrispondente ICSAIC. Proseguirà con la presentazione del libro “Resistere. Trincea e prigionia nell’Archivio Barberio” di Giuseppe Ferraro, edito da Pellegrini di Cosenza, e realizzato con il contributo della Regione Calabria. Continua a leggere

Convegno ICSAIC sul Popolarismo nel Mezzogiorno. La rassegna stampa

Articoli di Lorenzo Coscarella, Franco Liguori, Paolo Palma, Umberto Tarsitano, Nicoletta Toselli. Foto di Letterio Licordari, Bruno Pino.

Il convegno “Alla scuola di don Sturzo: il popolarismo nel Mezzogiorno. A cento anni dall’Appello ai Liberi e Forti”, organizzato dall’ICSAIC e tenutosi lo scorso 13 novembre all’UniCal, ha rappresentato un eccezionale momento di riflessione sulle caratteristiche e sulle vicende del popolarismo meridionale.
Dopo il saluto del presidente dell’ICSAIC Paolo Palma e del direttore del DISPeS Francesco Raniolo, l’on. Raffaele Cananzi ha presentato la prima sessione con le relazioni di mons. Leonardo Bonanno, Roberto Violi e Daria De Donno. Nella seconda sessione, presieduta da Antonello Costabile, si sono registrati invece gli interventi di Giuseppe Palmisciano, Franco Altimari e la comunicazione inviata da Vittorio De Marco. Nel pomeriggio, Vittorio Cappelli ha presieduto la sessione che, oltre alla sua comunicazione, ha presentato i contenuti dei lavori di Giuseppe Ferraro, Vincenzo Tucci e Lorenzo Coscarella. I numerosi interventi dei presenti hanno poi puntato l’attenzione su alcune questioni specifiche durante la tavola rotonda finale, lasciando nuovamente al presidente Palma le conclusioni dell’iniziativa.
Presentiamo qui di seguito articoli, comunicati e altro materiale riguardante il convegno, con un’attenzione particolare sugli articoli pubblicati dalla stampa:

Alcune immagini del convegno
(foto di Bruno Pino e Letterio Licordari)

Il saluto del presidente Palma al convegno sul popolarismo nel Mezzogiorno

Il convegno è stato dedicato ad Antonio Guarasci, Pietro Borzomati, Luigi Intrieri e Maria Mariotti: gli storici calabresi che hanno aperto le prime piste della ricerca su questi temi e hanno ben meritato della cultura storiografica nazionale.

Mercoledì 13 novembre si è svolto all’University Club dell’Università della Calabria il convegno nazionale “Alla scuola di don Sturzo: il popolarismo nel Mezzogiorno. A cento anni dall’Appello ai Liberi e Forti” organizzato dall’ICSAIC in collaborazione con il Dipartimento di Scienze Politiche e Sociali dell’Unical, l’Istituto Luigi Sturzo di Roma e la Fondazione Carical.


Pubblichiamo il saluto del presidente Paolo Palma.

L’anno sturziano volge al termine. È stato un anno di riflessioni intense per il centenario del Partito Popolare Italiano. Questo è uno degli ultimi, forse l’ultimo, convegno del 2019 sul tema, al quale l’ICSAIC, piccolo ma antico e operoso istituto di ricerca e di didattica della storia, radicato in questa regione, ha voluto dare un respiro meridionalistico, un territorio di riferimento più ampio in cui inserire il popolarismo calabrese.
Questo convegno segue di poche settimane al seminario di verifica della ricerca sul popolarismo nel Mezzogiorno, coordinata dal qui presente prof. Violi per conto dell’Istituto Sturzo di Roma e dell’Istituto di Studi Politici San Pio V, cui ho avuto il piacere di partecipare il 25 settembre scorso. Oso sperare che la pubblicazione degli Atti di quella ricerca e dell’odierno convegno possano costituire, insieme, un aggiornamento serio degli studi sul Partito Popolare Italiano in un’ottica meridionalistica Continua a leggere

Ancora quindici biografie di calabresi contemporanei. Cresce il “Dizionario”

Ancora quindici biografie di calabresi illustri, noti e meno noti, vanno ad arricchire il “Dizionario Biografico della Calabria Contemporanea” che il nostro istituto sta curando nell’ambito del progetto “Politica e cultura in Calabria” cofinanziato dalla Regione Calabria (PAC 2014-2020 – Annualità 2018 – Azione 3 – Tip. 3.2), È costante, infatti, il contributo di qualificati ricercatori, giornalisti, docenti e studiosi in genere calabresi e non solo che lavorano anche fuori dalla Calabria e con generosità sono impegnati nella realizzazione di schede biografiche. Con questo nuovo gruppo le biografie online diventano 171, mentre altre numerose sono in lavorazione.
Di seguito i nomi dei biografati e tra parentesi gli autori: Altomare, Umberto (Alessandra Pagano); Creazzo, Carlo (Massimo Distilo); De Luca, Florindo (Fulvio Mazza); La Cava, Mario (Ilenia Marrapodi); Liguori, Saverio (Paolo Ferroni); Marino, Luigi (Rocco Liberti); Marrari, Gaetano (Letterio Licordari); Misefari, Bruno (Antonio Orlando); Mortati, Costantino (Saverio Gentile); Napoli, Vito (Pino Nano); Patari, Giovanni (Franco Liguori); Sarcone, Gennaro (Leonardo Falbo); Scerbo, Francesco (Mario Saccà); Sofrà, Giovanni (Antonio Orlando); Suraci, Paolo (Pantaleone Sergi).

“Cresce” il Dizionario biografico numerose nuove voci già online

Il “Dizionario Biografico della Calabria contemporanea” che il nostro istituto sta realizzando con il contributo della Regione Calabria (PAC Calabria 2018) si arricchisce giorno dopo giorno di nuove voci, grazie all’impegno generoso ed entusiasta di numerosi studiosi calabresi. Queste le nuove biografie online con i rispettivi autori: Vincenzo Ammirà (Michele La Rocca); Antonino Anile (Michele La Rocca); Domenico Barreca (Massimo Distilo); Beatrice Capizzano Verri (Alessandra Pagano); Vittorio De Seta (Letterio Licordari); Filippo Di Benedetto (Giulia Veltri)Francesco Godino (Giuseppe Ferraro); Costabile Guidi (Franco Liguori)Giuseppe La Rosa (Letterio Festa)Francesco Antonio Lupi (Ferruccio Policicchio); Alfredo Pelaia (Pantaleone Sergi)Antonio Petrassi (Teresa Papalia)Francesco Pometti (Franco Liguori)Leonida Répaci (Monica Lanzillotta); Rosario Rubbettino (Luigi Ambrosi); Emilio Sacerdote (Michele La Rocca); Fortunato Seminara (Monica Lanzillotta); Leopoldo Trieste (Letterio Licordari).

Online 100 biografie di calabresi contemporanei. E si lavora per il volume sui nostri “Costituenti”

Cento biografie di calabresi noti e meno noti. Trentatré autori, tutti studiosi calabresi. Parte così il «Dizionario biografico della Calabria contemporanea» da oggi online (www.icsaicstoria.it). «Si tratta dell’opera collettiva più importante che sia stata fatta in Calabria», ha detto Pantaleone Sergi, presentando l’iniziativa alla comunità scientifica e alla stampa durante un incontro che si è svolto questa mattina nella sala multimediale della Biblioteca Tarantelli all’Unical. Altre 35 biografie sono in lavorazione. «È un cantiere aperto a cui tutti gli studiosi possono collaborare», ha sottolineato il curatore del dizionario realizzato nell’ambito del progetto «Politica e Cultura in Calabria dal 1861 a oggi», in parte finanziato dalla Regione con i fondi del Pac Calabria, progetto che prevede anche la pubblicazione di un volume sui 25 Costituenti calabresi. Continua a leggere

ICSAIC: presentazione del Dizionario Biografico online e del volume sui Costituenti calabresi

Un grande Dizionario biografico on-line dei calabresi illustri e un volume biografico e antologico sui deputati eletti per la Calabria all’Assemblea Costituente. È il lavoro avviato dall’Istituto Calabrese per la Storia dell’Antifascismo e dell’Italia Contemporanea (ICSAIC) nell’ambito del progetto “Politica e cultura in Calabria dal 1861 ad oggi”, finanziato dalla Regione Calabria con il PAC 2014-2020.

Le due opere saranno presentate alla stampa e alla comunità scientifica lunedì 9 settembre alle ore 10:30 nella sala multimediale della Biblioteca “Ezio Tarantelli” dell’UNICAL, presso cui ha sede l’ICSAIC, dal presidente Paolo Palma, dal direttore Vittorio Cappelli e dall’ex presidente Pantaleone Sergi, presente l’assessore alla Cultura della Regione Calabria, Maria Francesca Corigliano.

Continua a leggere

“Masi, uno studioso  limpido, un operaio della storia dell’Antifascismo calabrese”

Riceviamo e volentieri pubblichiamo una lettera che il signor Battista Trapuzzano ha fatto pervenire al direttivo del nostro istituto a proposito dell’elezione del prof. Giuseppe Masi a presidente onorario. Trapuzzano ci ha inviato anche un allegato con un documento che riguarda suo padre, partigiano combattente in Jugoslavia, del quale porta il nome “per scelta”.

Ecco il messaggio e il documento:

Mi congratulo con Voi per aver eletto Presidente Onorario dell’ICSAIC il Prof. Giuseppe Masi. Un uomo e uno studioso  limpido nella ricerca storiografica tanto quanto  nella condotta morale e  intellettuale. La sua visione socialista sul mondo contemporaneo  è stata sempre usata con equilibrio e autorevolezza; nei suoi scritti la storia dell’antifascismo non è mai scaduta  nella velleità  egemonica, spesso, ingiustamente, rivendicata dalla sola sinistra militante. “Un operaio della  storia dell’Antifascismo calabrese” questa è la figura incontaminata del Prof. Giuseppe Masi, espressione che molto sarebbe piaciuta a Salvemini e a Gramsci. Le figure dell’antifascismo che il Prof. Giuseppe Masi ha fatto emergere sono  spesso figure trascinate fuori dall’oscurità  storiografica con attento rigore scientifico, stando sempre accorto a non confondere la storia del ”certo-accaduto” con la storia del “probabilmente-accaduto”. Per anni gli Antifascisti, ci era sembrato, che fossero  appartenuti a una classe sociale ben identificata, e mi riferisco a quella classe di intellettuali erudita nelle università e fra il mondo accademico eludendo  molte figure dell’Antifascismo reale che erano, invece, gente semplice, comune: sarti, barbieri, calzolai, contadini. Gente che nella storia dell’antifascismo calabrese era stata quasi sempre ignorata o, tutt’al più, fatta entrate, quasi di nascosto, dalla porta di servizio della storia. A questi Antifascisti il Prof. Giuseppe Masi ha dato  voce. Ancora mi congratulo con la Vostra scelta. La storia dell’Antifascismo, in tempi di recrudescenza, ha bisogno dei suoi testimoni più limpidi e più onesti per condurre il nostro paese fuori dall’improvvisazione e dalla temerarietà storica.

Battista Trapuzzano

Giuseppe Masi presidente onorario dell’Icsaic. Palma: “Figura prestigiosa della storiografia calabrese”

Lo storico Giuseppe Masi è stato eletto per acclamazione presidente onorario dell’Istituto Calabrese per la Storia dell’Antifascismo e dell’Italia Contemporanea dall’assemblea dei soci, riunita nella sede presso la Biblioteca E. Tarantelli dell’Unical. “Il prof. Masi è una figura prestigiosa della comunità degli storici calabresi. Con la sua elezione a presidente onorario l’Icsaic ha inteso riconoscere – ha detto il presidente Paolo Palma, che ha avanzato la proposta a nome del Consiglio Direttivo – l’impegno di una vita, fatto di passione e rigore scientifico, negli studi di storia della Calabria, con particolare attenzione al movimento socialista, e il prezioso servizio reso al nostro Istituto per lunghi anni quale Direttore”.

Giuseppe Masi (Gizzeria, 1941) ha fondato e dirige il semestrale dell’Icsaic “Rivista calabrese di storia del ‘900”; è autore e curatore di diversi volumi, tra i quali: “Socialismo e socialisti di Calabria 1861-1914” (1981); “Socialismo e amministrazione nella Calabria contemporanea. Rosario Naccarato, primo sindaco democratico di Aiello Calabro: 1944-45” (1987); “Mezzogiorno e stato nell’opera di Fausto Gullo” (1998). Con l’Istituto di Studi storici Gaetano Salvemini di Messina ha pubblicato le ristampe dei volumi “L’emigrazione in Calabria” di Giuseppe Scalise (Napoli 1905), e “Calabria desolata” di Olindo Malagodi (Roma-Torino 1905). Con Antonio Bagnato e Giuseppe Villella ha curato il volume “Giovanni Nicotera nella storia italiana dell’Ottocento” (1999). Con Vittorio Cappelli e Pantaleone Sergi ha curato i volumi “Calabria Migrante” (2013) e “La Calabria dei migranti” (2014). Continua a leggere

Rivista calabrese di storia del 900: online anche il numero per il 2018

Anche il numero doppio per il 2018 della nostra Rivista calabrese di storia del ‘900 è adesso online con una sezione monografica dedicata a La Calabria e la Grande Guerra  e una sezione di Note & Discussioni, oltre naturalmente le pagine dedicate a recensioni. Questi i contributi pubblicati.

La Calabria e la Grande Guerra – Giuseppe Ferraro, La Calabria interventistaLetterio Festa, Vescovi e clero della Piana di Gioia Tauro nella Grande GuerraCarla Minasi, Il manicomio di Girifalco tra guerra, modernità e nevrosi; Domenico Romeo, Il Socialismo nella Calabria Jonica negli anni precedenti la prima guerra mondiale e la figura di Francesco Montagna; Enrico Esposito, Un soldato di Scalea nella Grande Guerra: Amedeo Rocco ArmentanoFranco Liguori; La storia di Alfonso Pignataro, soldato di Cariati caduto eroicamente nella Prima guerra mondiale.

Note & Discussioni – Prospero Francesco Mazza, Fausto Gullo: revisione od ortodossia?Pantaleone Sergi, Sui sessant’anni della sede Rai in Calabria.

RECENSIONI E SCHEDE – Giovanni Sole, Shrapnel e Schwarzlose, la Grande Guerra in una provincia calabrese (Emilio Tarditi); Libri ricevuti in dono.

 

Rivista calabrese di storia del 900: online il numero doppio per il 2017

È online il numero doppio del 2017 della Rivista calabrese di storia del ‘900, edita dal nostro Istituto. Questo i contenuti:

STUDI & RICERCHE – Antonio Orlando, “Le bombe buone?”. Il bombardamento aereo degli Alleati su Cittanova del 20 febbraio 1943; Christian Palmieri, Il Comitato di liberazione di Crotone: processi di dialettica politica tra il 1943 e il 1945; Mario Saccà, Vita e morte di Luigi Cubello, carabiniere di Gimigliano, vittima della strage nazista delle Pratarelle; Lorenzo Coscarella, Emigrazione e assistenza religiosa. L’attenzione dell’arcivescovo di Cosenza mons. Trussoni e i contatti col superiore degli Scalabriniani nel 1915;

RECENSIONI & SCHEDE – Massimo Conocchia, La malaria in Calabria tra fine Ottocento e primo Novecento. Una storia tragica tra miopie istituzionali e impegno dei singoli (Rocco Liberti); Cesare Malpica, Impressioni di viaggio nelle Calabrie (Elisa Conversano); Giuseppe Ferraro, Il prefetto e i briganti. La Calabria e l’unificazione italiana (1861-1865) (Roberta Sassano); Matteo Grasso e Alessia Cecconi, Tesori in guerra. L’arte di Pistoia tra salvezza e distruzione. Catalogo della mostra (Pistoia, 8-20 settembre 2017) (Elisa Conversano); Chiara Donati, Tommaso Rossi (a cura di), Guerra e resistenza sull’Appennino umbro-marchigiano. Problematiche e casi di studio (Gaetano Federico); Rodolfo Ricci (a cura di), Che cos’è l’emigrazione. Scritti di Paolo Cinanni (Saverio Napolitano); Carmelo Sirianni, VI Battaglione Libico. Diario della campagna di Etiopia (1936-1937); Marco De Paolis e Paolo Pezzino, Sant’Anna di Stazzema. Il processo, la storia, i documenti.