È morto Karol Modzelewski, lo storico polacco tra i fondatori di Solidarność

È morto Karol Modzelewski, un amico carissimo e uno dei personaggi più significativi della storia polacca e non solo della seconda metà del XX secolo. Così lo ricorda Marta Petruzevich, storica dell’Università della Calabria: Modzelewski era un eminente storico del Medioevo, l’autore, tra altri, di Europa dei barbari (Bollati Boringhieri 2008). È stato socio dell’Accademia Polacca delle Scienze dal 2006 e vice-presidente della stessa, nonché socio straniero dell’Accademia Nazionale dei Lincei.  Ma era anche, o soprattutto, fin dall’Ottobre 1956, un capo storico dell’opposizione polacca e il co-fondatore e il portavoce di Solidarność, il più grande movimento operaio della storia moderna. Insieme a Jacek Kuroń, Modzelewski fu uno dei capi indiscussi dell’opposizione democratica in Polonia, e, insieme a Kuroń, tra i più detenuti: condannato nel 1965 a tre anni e mezzo di prigione per aver scritto e diffuso, con Kuroń, la Lettera aperta al POUP (trad. it. Il marxismo polacco all’opposizione); di nuovo imprigionato, e condannato a tre anni per aver guidato, con Kuroń e Adam Michnik, la rivolta studentesca nel marzo 1968. Uno dei fondatori e dirigenti della prima Solidarność, membro della Commissione Nazionale del sindacato e il suo portavoce, è stato di nuovo imprigionato nel dicembre 1981, quando il generale Jaruzelski impose la legge marziale, e detenuto fino all’amnistia del 1984. Complessivamente, otto anni e mezzo di galera. Eletto senatore nelle prime elezioni libere nel 1989, ben presto divenne critico della strategia neoliberale e liberista del primo governo post-Solidarność. Dopo lo scioglimento delle camere nel 1991, gradualmente abbandonò la politica attiva a favore della ricerca e dell’insegnamento universitario. Rimane tuttavia il riferimento critico e intellettuale più significativo per la sinistra polacca, di diverse generazioni. La sua autobiografia politica, Sfiancheremo il ronzino della storia. Confessioni di un cavaliere acciaccato (2013), è subito diventata un bestseller in Polonia.  Ci mancherai, Karol!

Riproponiamo in questa occasione una intervista che il direttore del nostro istituto Vittorio Cappelli ha realizzato alcuni anni fa con il grande storico scomparso, pubblicata sulla Rivista calabrese di Storia del 900 con il titolo Intervista a Karol Modzelewski: «La mia Polonia, la memoria, il Marxismo, Solidarność e la Chiesa»

Questo articolo è stato pubblicato in Notizie da . Aggiungi il permalink ai segnalibri.