“I tumulti di Crotone” del 30 settembre 1946: quando i ricchi furono sequestrati

Il 30 settembre 1946 la popolazione di Crotone si ribellò contro la miseria e la fame che l’attanagliavano. L’insurrezione, in particolare, si rivolse contro i latifondisti e gli altri notabili cittadini eredi dei vecchi usurpatori.
Con un articolo-saggio pubblicato sul periodico «Il Crotonese», Fulvio Mazza rievoca dopo più di settanta anni i “Tumulti di Crotone”, durane i quali si registrarono momenti di acre violenza da parte dei manifestanti, che giunsero a sequestrare i notabili locali trascinandoli con la forza nel municipio per imporre loro di finanziare le cooperative di lavori pubblici. Contro i rivoltosi intervenne però la forza pubblica che, fra l’altro, arrestò a mo’ di ostaggi le mogli dei manifestanti che si erano resi irreperibili. 
Tre sono i punti interrogativi che caratterizzano ancora oggi l’analisi storica di quegli avvenimenti. Il primo è se la Cgil scelse apposta, o se invece fu solo una casualità, di proclamare lo sciopero generale proprio il primo giorno dell’avvio dell’attività pastorale del nuovo vescovo, Pietro Raimondi. Il secondo è la posizione del sindaco comunista Silvio Messinetti che non si comprende bene se si diede per malato o se lo fu davvero. Il terzo verte sulla premeditazione o meno, da parte della Cgil e del Pci, dei sequestri dei notabili cittadini.

RSS
Facebook
Facebook
Twitter
Visit Us
YouTube
Instagram