L’Icsaic con Sergi in Abruzzo per parlare di confino e di Rosario Sacripante

Il confino politico fu uno degli strumenti di persecuzione che il regime fascista utilizzò per spegnere ogni attività  di opposizione. La Calabria fu regione di confino con numerosi comuni che ospitarono oltre duemila antifascisti sottratti alla loro vita. L’università  della LiberEtà  “Nicola Perrotti” di Penne (Pescara) ha voluto onorare la memoria di Rosario Sacripante, un muratore che fu inviato al confino in Calabria, a Limbadi, e ha invitato Pantaleone Sergi a ricordarne la figura. Una figura esemplare di antifascista che per otto mesi rimase in Calabria, lontano dai quattro figli e dalla compagna. Assieme a Sergi hanno parlato il sindaco della cittadina abruzzese Gilberto Petrucci e la presidente dell’Università  della LiberEtà  Silvia Di Salvatore,
L’evento è stato organizzato dal direttore scientifico dell’Università  della LiberEtà  dottor Quintino Leone e dalla nipote del confinato Alessandra Sacripante, in collaborazione con l’Associazione Nazionale Partigiani d’Italia e con il patrocinio del Comune, e si è svolto nella sala consiliare del Municipio di Penne presenti numerosi parenti di Sacripante, personalità  politiche, cittadini e numerosi studenti del locale liceo. È stato reso omaggio così a un uomo semplice, un eroe dimenticato, la cui memoria è stata restituita alla sua città .

Per la storia di Rosario Sacripante e degli oltre 40 confinati politici del fascismo a Limbadi CLICCA QUI

Dagli Appennini alle Ande, storie di emigrazione in Sud America nell’ultimo libro di Vittorio Cappelli

Segnaliamo l’uscita, presso l’editore Rubbettino, dell’ultimo libro del nostro direttore Vittorio Cappelli: Dagli Appennini alle Ande, al Caribe e all’Amazzonia. Percorsi e profili migratori verso le «altre Americhe ».
Il volume è dedicato alla storia dell’emigrazione – principalmente calabrese, lucana e campana – in America del Sud. È infatti il risultato, come scrive lo stesso autore, «di molti anni di ricerche, di viaggi e di incontri, dedicati ai nostri emigrati in America Latina », dove sono state scritte delle pagine importanti della storia dell’emigrazione italiana.

L’Aeronautica ricorda Mario Martire morto a Mathausen per la libertà 

Il Reparto silano dell’Aeronautica  Militare ricorda oggi il pilota Mario Martire che partecipò alla Resistenza e morì nel campo di concentramento di Mauthausen.
Nella Sala Quintieri del Teatro  Rendano di Cosenza, infatti, si terrà  questa mattina (27 aprile), alle 10,30, un incontro di  studi dedicato alla sua memoria. L’evento è stato organizzato dal Distaccamento  Aeronautico di Montescuro con il  patrocinio del Comune di Cosenza, come occasione per approfondire  le gesta del pilota cosentino che solcò con successo i cieli europei  tra gli anni 30′ e 40′ del Novecento,  attraverso epiche ed eroiche  battaglie aeree e che dopo il 1943 passò nelle file della Resistenza.  Interverranno per  l’Aeronautica Militare, il Generale  di Brigata Romeo Paternò vice  comandante del Comando Scuole  3 ª Regione Aerea di Bari e il Tenente  Colonnello Roberto Tabaroni,  Comandante del Distaccamento  Aeronautico Montescuro.
A coordinare  l’incontro sarà  l’arch. Fulvio Terzi, appassionato del volo  e dell’Aeronautica Militare.

Il nostro istituto, per ricordarlo, anticipa oggi nel Dizionario Biografico della Calabria Contemporanea, la biografia di Mario Martire redatta da Leonardo Falbo.
Per consultarla CLICCARE QUI  

Saggio di Cappelli sui laghi della Sila e la trasformazione dell’altopiano

La nuova rivista «Stratigrafie del Paesaggio » ha pubblicato nel suo ultimo numero – dedicato al tema: Antropia del paesaggio in Calabria tra adattamento e trasformazione – un articolo del nostro direttore scientifico Vittorio Cappelli, dal titolo: I laghi della Sila. La grande trasformazione dell’altopiano silano. Visto l’interesse dell’argomento, lo riproponiamo per i nostri lettori.

CLICCARE QUI PER IL SAGGIO DI CAPPELLI

Enzo Collotti, maestro di “Resistenza”

Marta Baiardi ricorda il grande storico scomparso nel 2021

Enzo Collotti (Messina, 1929 – Firenze, 2021), considerato uno dei più importanti storici italiani ed europei della Resistenza italiana e del Nazismo, già  professore di Storia contemporanea nelle Università  di Firenze, Bologna e Trieste, è scomparso di recente. Pubblichiamo un suo ricordo firmato da Marta Baiardi, dell’Istituto Storico Toscano della Resistenza e dell’Età  contemporanea.

Biografie di calabresi noti e meno noti.  Cresce il dizionario e arriva a 730 voci

Care amiche e cari amici,
Con queste dieci nuove biografie, il nostro Dizionario Biografico della Calabria Contemporanea, cresce ancora e tocca le 730 voci. L’Icsaic prosegue, così, la sua attività  al servizio della cultura calabrese, e ringrazia i sempre più numerosi collaboratori.

Questi i nuovi biografati e gli autori:

Grazie a tutti i lettori per l’attenzione prestata

Il  Dizionario Biografico della Calabria  conta 10 voci in più: siamo a 720

Care amiche e cari amici,
Grazie alla preziosa collaborazione di amici studiosi, imcrementiamo ancora di altre dieci le voci del Dizionario Biografico della Calabria Contemporanea che ora conta 720 biografie di personaggi calabresi, mentre altre sono in lavorazione.
I nuovi biografati e i rispettivi autori sono:

Appuntamento alle prossime biografie

Grazie dell’attenzione e buona lettura.

È uscito il n. 2 del 2021 della nostra “Rivista calabrese di storia del ‘900”

È uscito il n. 2 del 2021 della «Rivista calabrese di storia del ‘900 », il periodico scientifico del nostro istituto fondato da Giuseppe Masi e ora diretto da Vittorio Cappelli. Questi i saggi e le note che propone.

Studi & ricerche

Note & discussioni

Interventi & Attualità 
Dal Convegno Icsaic per il centenario del Partito Comunista

Recensioni

Marco Scavino (a cura di), Torino nella Grande Guerra. Società , politica, cultura, 2017 (Gaetano Federico) – Irene Bolzon e Lisa Tempesta (a cura di), Operai e contadini di fronte alla Grande Guerra, 2018 (Gaetano Federico) – Salvatore Muraca, La svolta a sinistra in Calabria. Cattolici al bivio tra aperture e incomprensioni,2019 (Giuseppe Ferraro) – Carmelo Azzarà¡, La spiga di grano e il sole. Marco Perpiglia, il partigiano “Pietro” e la moglie Giuseppina Russo. Una vita per la libertà , 2018 (Michela Boccuti) – Giuseppe Ferraro (a cura e con un saggio introduttivo di), Il «Gazzettino di Wonbaraccopoli » e «L’Attesa ». Due esperienze giornalistiche nei campi di prigionia della Grande Guerra, 2020 (Antonio Bevacqua) – Marco De Nicolò, Formazione. Una questione nazionale, 2020 (Giuseppe Ferraro) – Pino Corbo, Lo schermo e la pagina. Tra cinema e letteratura, 2021 (Matteo B. Marini) – Roberto P. Violi (a cura di), Il Partito popolare italiano nel Mezzogiorno. Alle origini della DC come partito nazionale, 2021; Lorenzo Coscarella e Paolo Palma (a cura di), Alla scuola di don Sturzo. Il popolarismo nel Mezzogiorno a cento anni dall’ Appello ai liberi e forti, 2020 (Alessandra Pagano) – Luca I. Fragale, La Massoneria nel Parlamento. Primo Novecento e Fascismo, 2021 (Lorenzo Coscarella)

Grave lutto dello storico Rocco Liberti

Un grave lutto ha colpito Rocco Liberti, storico di valore, socio di vecchia data e amico del nostro istituto, collaboratore assiduo e generoso del Dizionario Biografico della Calabria: a Oppido Mamertina è deceduta la moglie, donna di grandi valori che lo ha accompagnato e sostenuto per tutta la vita. In questo momento doloroso giungano a Rocco e ai suoi familiari le condoglianze affettuose del presidente Paolo Palma, del direttore Vittorio Cappelli, del coordinatore del Dizionario Pantaleone Sergi, del direttivo e di tutti i soci dell’Icsaic.

Buon 2022 dall’Icsaic e dal Dizionario con quindici nuove biografie online

Care amiche e cari amici,
Come augurio per un sereno e prospero 2022, soprattutto in Buona Salute, il Dizionario Biografico della Calabria Contemporanea si arricchisce di nuove voci e presenta una novità : le biografie brevi, in un certo senso, se volete, provvisorie e incomplete, frutto di un lavoro redazionale, ma che in futuro potranno essere rivisitate e riscritte, secondo quello che è lo stile finora utilizzato. Il lavoro che finora è stato fatto, con il contributo costante di vecchi e nuovo collaboratori, è di certo notevole e a tutti loro va un meritato ringraziamento. Con quelle messe ora online siamo arrivati a 675 voci biografiche di personaggi calabresi che hanno fatto la storia della regione. E altre sono in lavorazione.
I nuovi biografati e i rispettivi autori sono:

Queste sono invece le “biografie brevi” che potranno essere aggiornate anche sulla base di contributi provenienti dai nostri collaboratori e dai lettori:

Il presidente e il direttore dell’Icsaic, Paolo Palma e Vittorio Cappelli, il curatore del Dizionario Pantaleone Sergi, i membri del direttivo e del comitato scientifico, colgono l’occasione per augurare a voi e alle vostre famiglie un sereno e prospero 2022.

Grazie dell’attenzione e buona lettura.
Appuntamento alle prossime biografie.

Dicembre, arrivano nuove biografie Dizionario Biografico della Calabria

Care amiche e cari amici,
Il Dizionario Biografico della Calabria Contemporanea cresce di altre dieci voci
I nuovi biografati e i rispettivi autori sono:

Grazie dell’attenzione e buona lettura.
Appuntamento alle prossime biografie.

Rivista calabrese di storia del ‘900: iniziata la nuova serie (n. 1 – 2021)

È online il primo numero del 2021 della Rivista calabrese di storia del ”900 con cui inizia la nuova serie diretta da Vittorio Cappelli. Questo il suo indice:

Siderno, lo storico Enzo D’Agostino scomparso nel compianto generale

Nel compianto della comunità  scientifica, è scomparso a Siderno il prof. Enzo D’Agostino, figura di primo piano tra gli storici calabresi, apprezzato da tutti gli studiosi per la qualità  della sua ricerca e per la disponibilità  umana.
Enzo D’Agostino era nato a Siderno, Deputato e Consigliere della Deputazione di Storia Patria per la Calabria per anni ne è stato il tesoriere. Nella sua lunga e apprezzata attività  di studioso si è interessato e ha scritto di storia ecclesiastica e di problematiche storiografiche relative alle Chiese calabresi, di cui era considerato il massimo esperto. Socio corrispondente dell’Icsaic, non ha fatto mai mancare il suo contributo alla ricerca e ancora recentemente aveva collaborato alla realizzazione del volume sui Costituenti calabresi realizzando la biografia di un costituente della sua Locride.
Direttore della rivista  Thauros, collaboratore di varie riviste, tra cui  Rivista calabrese di storia del ‘900  del nostro istituto, è stato segretario di redazione della  Rivista  Storica Calabrese  della  Deputazione di Storia Patria per la Calabria. Ha pubblicato numerosi saggi e vari volumi, tra i quali:  Gerace nel secolo XVII, 2003;  Da Locri a Gerace. Storia di una diocesi  della Calabria bizantina dalle origini al 1480, 2007;  La Cattedra  sulla Rupe. Storia della Diocesi di Gerace (Calabria) dalla soppressione del  rito greco al trasferimento della sede (1480-1954), 2019.  
I  suoi funerali il 24 novembre alle ore 15,30 presso la Chiesa di S. Maria dell’Arco di Siderno.
Il presidente, il direttore, il consiglio direttivo e tutti i soci dell’Icsaic si uniscono al dolore dei familiari e lo ricordano con affetto e stima.