Rivista calabrese di storia del ‘900: iniziata la nuova serie (n. 1 – 2021)

In primo piano

È online il primo numero del 2021 della Rivista calabrese di storia del ”900 con cui inizia la nuova serie diretta da Vittorio Cappelli. Questo il suo indice:

RSS
Twitter
Visit Us
Follow Me
YouTube
Instagram

Il convegno sul centenario del PCI all’UniCal e in diretta web

In primo piano

Il convegno Il PCI dalle origini al “partito nuovo” in Calabria e nel Mezzogiorno, organizzato dall’ICSAIC con la collaborazione del DISPeS UniCal, si terrà in presenza presso la Sala Multimediale della Biblioteca “E. Tarantelli” e in diretta web.
Per chi volesse seguire in diretta l’evento, oltre che sulla pagina Fb dell’ICSAIC potrà utilizzare i seguenti link:
Per le sessioni di mercoledì 24 novembre 2021: https://youtu.be/vM1_rdIdmP8
Per la sessione di giovedì 25: https://youtu.be/WpN1m40qRSs

RSS
Twitter
Visit Us
Follow Me
YouTube
Instagram

Siderno, lo storico Enzo D’Agostino scomparso nel compianto generale

In primo piano

Nel compianto della comunità scientifica, è scomparso a Siderno il prof. Enzo D’Agostino, figura di primo piano tra gli storici calabresi, apprezzato da tutti gli studiosi per la qualità della sua ricerca e per la disponibilità umana.
Enzo D’Agostino era nato a Siderno, Deputato e Consigliere della Deputazione di Storia Patria per la Calabria per anni ne è stato il tesoriere. Nella sua lunga e apprezzata attività di studioso si è interessato e ha scritto di storia ecclesiastica e di problematiche storiografiche relative alle Chiese calabresi, di cui era considerato il massimo esperto. Socio corrispondente dell’Icsaic, non ha fatto mai mancare il suo contributo alla ricerca e ancora recentemente collaborando alla realizzazione del volume sui Costituenti calabresi realizzando la biografia di un costituente della sua Locride.
Direttore della rivista Thauros, collaboratore di varie riviste, tra cui Rivista calabrese di storia del ’900 del nostro istituto, è stato segretario di redazione della Rivista Storica Calabrese della Deputazione di Storia Patria per la Calabria. Ha pubblicato numerosi saggi e vari volumi, tra i quali: Gerace nel secolo XVII, 2003; Da Locri a Gerace. Storia di una diocesi della Calabria bizantina dalle origini al 1480, 2007; La Cattedra sulla Rupe. Storia della Diocesi di Gerace (Calabria) dalla soppressione del rito greco al trasferimento della sede (1480-1954), 2019. 
I suoi funerali il 24 novembre alle ore 15,30 presso la Chiesa di S. Maria dell’Arco di Siderno.
Il presidente, il direttore, il consiglio direttivo e tutti i soci dell’Icsaic si uniscono al dolore dei familiari e lo ricordano con affetto e stima. 

RSS
Twitter
Visit Us
Follow Me
YouTube
Instagram

Addio a Costantino Fittante, amico e sostenitore del nostro Istituto

In primo piano

Si è spento all’età di 88 anni Costantino Fittante, amico e sostenitore del nostro Istituto che ha difeso in momenti difficili. Era uno dei volti storici della sinistra calabrese, già sindaco di Sant’Eufemia Lamezia, consigliere regionale e parlamentare con il Partito Comunista italiano.
Nato a Chiaravalle Centrale nel 1933, insegnante e importante dirigente del Pci, Fittante è stato unanimente apprezzato nel contesto della politica calabrese per il suo impegno sociale e civile, per le sue lotte a sostegno delle fasce deboli della popolazione e contro la ‘ndrangheta: per il suo impegno contro le cosche è stato oggetto di numerosi atti intimidatori, Fu l’ultimo sindaco di Sant’Eufemia Lamezia prima della fusione con Niacstro e Sambiase che ha dato vita a Lamezia Terme, consigliere regionale della Calabria tra le file del Partito Comunista Italiano dal 1970 al 1983, quando l venne eletto alla Camera dei deputati.
Costantino era fratello di Vittorio, studioso, per anni dirigente dell’Icsaic.

RSS
Twitter
Visit Us
Follow Me
YouTube
Instagram

L’ICSAIC ricorda il centenario del PCI con un convegno nazionale

In primo piano

In occasione dei cento anni della fondazione del Partito Comunista d’Italia, l’Istituto Calabrese per la Storia dell’Antifascismo e dell’Italia Contemporanea organizza il convegno nazionale dal titolo Il PCI dalle origini al “partito nuovo” in Calabria e nel Mezzogiorno.
L’evento, organizzato in collaborazione con il Dipartimento di Scienze Politiche e Sociali dell’UniCal, si terrà nelle giornate del 24 e 25 novembre 2021 presso la Sala Multimediale della Biblioteca “E. Tarantelli” dell’Università della Calabria e verrà trasmesso in diretta sul canale YouTube del Dipartimento di Scienze Politiche e Sociali e rilanciato sui canali social dell’ICSAIC.

RSS
Twitter
Visit Us
Follow Me
YouTube
Instagram

È online il numero 1-2 del 2020 della Rivista Calabrese di Storia del ‘900

In primo piano

Solo, giovedì 11 novembre l’ICSAIC ha presentato al pubblico la nuova serie della Rivista Calabrese di Storia del ‘900 diretta da Vittorio Cappelli, ed è già online intanto il n. 1-2 del 2020 che chiude il ciclo del direttore Giuseppe Masi il quale l’ha fondata.
Questo l’indice del numero:
Presentazione di Vittorio Cappelli;

RSS
Twitter
Visit Us
Follow Me
YouTube
Instagram

Il Milite Ignoto nell’identità italiana. All’iniziativa del Brutium un intervento dell’ICSAIC

Si svolgerà sabato 20 novembre a partire dalla 11, l’iniziativa “Il Milite Ignoto nell’identità italiana”. L’appuntamento online è organizzato dal Polo Tecnico Scientifico Brutium di Cosenza, in collaborazione con l’Istituto per la Storia del Risorgimento Italiano sezione di Cosenza e il nostro Istituto.

Dettagli in locandina

RSS
Twitter
Visit Us
Follow Me
YouTube
Instagram

A “La scuola racconta”, anche l’ICSAIC con “Gli itinerari di Clio”

Si terrà tra il 29 e il 30 novembre 2021 la IV edizione del Festival internazionale della Public History “La scuola racconta”. L’iniziativa è organizzata dal Centro studi relazioni Atlantico Mediterranee in collaborazione con l’Associazione italiana Public History e l’International Federation for Public History, Fédération internationale pour l’Histoire Publique. All’iniziativa sarà presente anche il nostro Istituto con la relazione Gli itinerari di Clio di Giuseppe Ferraro coordinatore della commissione didattica. 
Il tema del festival è dedicato alle storie delle comunità scolastiche di ieri e di oggi in tutte le loro declinazioni, ed è aperto agli istituti scolastici di ogni ordine e grado e a studiosi, ricercatori, docenti e public historian.

RSS
Twitter
Visit Us
Follow Me
YouTube
Instagram

ICSAIC: presentati il volume sul popolarismo nel Mezzogiorno e la nuova edizione della Rivista

Giovedì 11 novembre l’ICSAIC ha presentato al pubblico i suoi ultimi due lavori: il volume “Alla scuola di don Sturzo. Il popolarismo nel Mezzogiorno a cento anni dall’Appello ai liberi e forti”, curato da Lorenzo Coscarella e Paolo Palma, e la nuova edizione della “Rivista calabrese di storia del ‘900”, diretta da Vittorio Cappelli.
Dopo l’introduzione di Fabio Mandato, che ha moderato la presentazione, e il benvenuto dell’editore Walter Pellegrini, che ospitato l’iniziativa nel Terrazzo Pellegrini di Cosenza, il presidente ICSAIC Paolo Palma ha salutato i presenti sottolineando il momento significativo per l’Istituto, che riprende in presenza le sue attività dopo l’ulteriore pausa dovuta alla pandemia in corso.
Palma ha ricordato nel suo intervento anche lo studioso cosentino Emilio Tarditi, alla presenza della moglie e delle figlie. A Tarditi, socio ICSAIC e autore di numerose pubblicazioni, la Rivista ha dedicato un ricordo a firma del prof. Mario Iazzolino dell’Accademia Cosentina.

Mario Bozzo, della Fondazione CARICAL, ha presentato il volume sul Popolarismo nel Mezzogiorno fornendone un’ampia lettura ed evidenziando aspetti dell’opera sturziana nel Sud della penisola, sottolineandone l’attualità del pensiero e dell’azione. Antonio Costabile, docente dell’Università della Calabria, partendo dal volume e dal rapporto popolarismo/populismo, ha portato all’attenzione dei presenti alcune questioni di stretta attualità politica e sociale che, al confronto con l’esperienza popolare di un secolo fa, mostrano quanto siano cambiati l’agire della classe politica del paese e le modalità che i cittadini hanno di rapportarsi ad essa.
Il volume “Alla scuola di don Sturzo. Il popolarismo nel Mezzogiorno” raccoglie gli atti del convegno tenutosi presso l’Università della Calabria nel novembre 2019 in occasione del centenario dell’Appello ai liberi e forti. Lorenzo Coscarella, membro del direttivo ICSAIC e curatore del lavoro insieme al presidente Palma, si è soffermato sull’esperienza del convegno e della curatela del volume, evidenziando gli apporti dei vari autori dei quali si pubblicano le relazioni e sottolineando come l’opera sia il risultato di un lavoro collettivo che ha dato alla luce un contributo, si spera significativo, alla storiografia del Partito popolare sturziano. Lo stesso Coscarella ha ricordato come nelle prossime settimane l’ICSAIC sarà impegnato in un nuovo evento, il convegno dedicato al centenario della fondazione del PCI, che raccoglierà studiosi dell’argomento che analizzeranno il periodo tra le origini e i primi anni ’50 in Calabria e nel Mezzogiorno.

Il prof. Vittorio Cappelli, direttore scientifico dell’Istituto, ha presentato quindi la nuova edizione della rivista, da lui diretta. Edita da Pellegrini, la nuova serie si presenta in veste grafica rinnovata e con tante alte novità, mantenendo il suo carattere scientifico e il filo conduttore con le altre esperienze editoriali ICSAIC.

RSS
Twitter
Visit Us
Follow Me
YouTube
Instagram

Presentazione del volume sul popolarismo nel Mezzogiorno e della nuova edizione della rivista ICSAIC

L’Istituto Calabrese per la Storia dell’Antifascismo e dell’Italia Contemporanea riparte in presenza dopo tanto tempo per portare alla conoscenza di tutti gli ultimi suoi lavori. Giovedì 11 novembre, alle ore 17.30, il Terrazzo Pellegrini di Cosenza, ospiterà la presentazione del volume “Alla scuola di don Sturzo. Il popolarismo nel Mezzogiorno a cento anni dall’Appello ai liberi e forti” e la nuova edizione dello storico periodico dell’Istituto, la “Rivista calabrese di storia del ‘900”.
Il volume, curato da Lorenzo Coscarella e Paolo Palma, raccoglie gli atti del convegno nazionale sul popolarismo nel Mezzogiorno organizzato dall’ICSAIC e tenutosi nel novembre 2019 presso l’Università della Calabria. La “Rivista calabrese di storia del ‘900”, diretta da Vittorio Cappelli ed edita anch’essa da Pellegrini, si presenta in una veste rinnovata e continua a rappresentare un punto di riferimento nel panorama della storiografia calabrese.
All’iniziativa, moderata dal giornalista Fabio Mandato, dopo l’introduzione del presidente ICSAIC Paolo Palma interverranno Mario Bozzo, della Fondazione CARICAL, Antonello Costabile, dell’Università della Calabria, Lorenzo Coscarella, membro del direttivo ICSAIC, e Vittorio Cappelli, direttore scientifico dello stesso Istituto.
La partecipazione all’evento è consentita a tutti coloro che sono dotati di green pass, nel rispetto delle regole di sicurezza anti-Covid. Sarà un modo per l’ICSAIC per riallacciare il contatto con soci e amici e presentare anche le prossime iniziative in programma, tra cui il convegno sul centenario del PCI in programma all’Unical per i prossimi 24 e 25 novembre.

RSS
Twitter
Visit Us
Follow Me
YouTube
Instagram

Gli ottanta anni di Giuseppe Masi storico dell’Antifascismo calabrese

Compie ottanta anni Giuseppe Masistorico direttore del nostro istituto, di cui è stato tra i fondatori, e fino all’anno scorso della «Rivista calabrese di Storia del ’900». Masi, che è stato definito “un operaio della  storia dell’Antifascismo calabrese”, è attualmente presidente onorario dell’Icsaic al quale non manca di offrire il suo costante contributo di idee. «La storia dell’Antifascismo, in tempi di recrudescenza, ha bisogno dei suoi testimoni più limpidi e più onesti per condurre il nostro paese fuori dall’improvvisazione e dalla temerarietà storica», è stato detto di lui quando fu eletto presidente onorario. Nella sua lunga carriera, Masi si è occupato di storia sociale, politica e dell’emigrazione. Oltre a numerosi saggi su riviste, ha pubblicato, come autore o curatore, diversi volumi in cui ha approfondito la dinamica politica della Calabria, tra cui Socialismo e socialisti di Calabria 1861-1914; Socialismo e amministrazione nella Calabria contemporaneaMezzogiorno e stato nell’opera di Fausto Gullo; Rosario Naccarato, primo sindaco democratico di Aiello Calabro: 1944-45; Giovanni Nicotera nella storia italiana dell’Ottocento. Con l’Istituto di Studi storici Gaetano Salvemini di Messina ha pubblicato le ristampe dei volumi L’emigrazione in Calabria, di Giuseppe Scalise (Napoli 1905), e Calabria desolata, di Olindo Malagodi. Con Vittorio Cappelli e Pantaleone Sergi ha curato i volumi Calabria Migrante e La Calabria dei migranti.
Al nostro Giuseppe, “Peppe” o “Beppe” come viene pure chiamato dagli amici studiosi, giungano gli auguri più belli di lunga vita dal presidente, dal direttivo e da tutti i soci. In attesa di vederlo nuovamente in sede sempre più operoso.
6 novembre 2021

RSS
Twitter
Visit Us
Follow Me
YouTube
Instagram

Entrano altri dieci nomi nuovi nel nostro “Dizionario Biografico”

Con questi dieci nomi nuovi che entrano nel nostro Dizionario Biografico della Calabria Contemporaneaarriviamo a 650 biografie di calabresi illustri, noti e meno noti.
Di seguito le nuove voci e i rispettivi autori.

Buona lettura e grazie a tutti per l’attenzione che prestate al Dizionario.

RSS
Twitter
Visit Us
Follow Me
YouTube
Instagram

Il volume sui Costituenti calabresi presentato a Roma a Mattarella e Fico

Il presidente della Repubblica Sergio Mattarella accoglie la delegazione dell’Icsaic

“La Calabria ha avuto grandi Padri costituenti”. Con queste parole il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ha accolto al Quirinale la delegazione dell’Istituto Calabrese per la Storia dell’Antifascismo e dell’Italia Contemporanea (Icsaic), che gli ha fatto dono del volume “I calabresi all’Assemblea Costituente”, a cura di Vittorio Cappelli e Paolo Palma, edito per l’ICSAIC da Rubbettino. La delegazione era composta oltre che dal Presidente Palma e dal Direttore Cappelli, dall’ex Presidente dell’Istituto, Pantaleone Sergi. 
Palma ha ringraziato il Presidente Mattarella per l’udienza concessa e ha illustrato la ricerca che ha impegnato diversi soci dell’Icsaic e alcuni specialisti esterni sulle biografie dei ventiquattro costituenti calabresi e sui lavori parlamentari che fotografano la  Calabria del tempo: le mulattiere, i tuguri, le condizioni primitive della povera gente, i signori del latifondo, l’occupazione delle terre, i tumulti del pane; e malaria, tubercolosi, ferrovie insicure, reti idriche ed elettriche fatiscenti e carenti. 

Il direttore dell’Icsaic Vittorio Cappelli, il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, il presidente dell’Icsaic Paolo Palma e l’ex presidente Pantaleone Sergi

La delegazione dell’Icsaic è stata poi ricevuta a Palazzo Montecitorio dal Presidente della Camera dei Deputati Roberto Fico, al quale ha fatto dono dello stesso volume. Il Presidente Fico ha espresso apprezzamento per il lavoro svolto dall’Istituto e ha sottolineato l’importanza del ruolo che la Calabria e il Mezzogiorno hanno svolto nell’edificazione delle istituzioni repubblicane.

La delegazione dell’Icsaic con il Presidente della Camera Roberto Fico

Paolo Palma ha ringraziato il Presidente Fico per l’incontro ma anche per il contributo determinante che la Biblioteca “Nilde Iotti” della Camera dei Deputati ha dato all’Icsaic per la documentazione relativa alla stesura di alcune biografie e per la complessa organizzazione della parte antologica del volume.

Seguono altre foto dell’incontro

RSS
Twitter
Visit Us
Follow Me
YouTube
Instagram

“Le donne nella storia della Calabria”, presentazione del volume a Rossano

Il volume, che tratta del ruolo che hanno avuto le donne nella storia della nostra regione, raccoglie circa cinquanta biografie di donne impegnate in politica nei diversi schieramenti. Pubblicato da Jonia editrice e curato da Tania Frisone, Nella Matta e Marilù Sprovieri, tutte esponenti dell’Associazione Italiana Parchi Culturali, sezione di Cosenza, sarà presentato a Rossano il 22 ottobre, nell’Aula Magna del Polo Liceale di Rossano.
Tra gli interventi programmati, quello del prof. Giuseppe Trebisacce, e del prof. Giuseppe Ferraro, responsabile della sezione didattica dell’ICSAIC, il quale ha guidato gli alunni e le alunne che hanno redatto le varie biografie.
Saranno presenti anche il prof. Antonio Franco Pistoia, dirigente del Polo Liceale e Alessia Alboresi, assessore alla cultura. Il dibattito, moderato dalla prof.ssa Stella Pizzuti, docente del Polo Liceale, sarà arricchito dalle testimonianze di Giuseppina Amarelli, Cesare Marini e Suor Mary Philomena Chakkalakkal.
Maggiori dettagli in locandina

RSS
Twitter
Visit Us
Follow Me
YouTube
Instagram

Particolarmente ricco il numero 1/2021 del “Giornale di Storia Contemporanea”

Si presenta particolarmente ricco l’ultimo numero del Giornale di Storia Contemporanea (1/2021) diretto da Vittorio Cappelli, Brunello Mantelli e Pantaleone Sergi, con una sezione monografica su “Perseguitati, persecutori, biografie”, una sezione di “Saggi” e una sezione di recensioni. Grazie alla cortesia dell’Editore Pellegrini pubblichiamo i riassunti in italiano e in inglese dei lavori di questo numero.

SEZIONE MONOGRAFICA
Perseguitati, persecutori, biografie

Giovanna D’Amico
Persecuzioni e deportazioni: storiografia e paradigmi
Brunello Mantelli 
Annientamento e sfruttamento di lavoro schiavo. Due poli contrapposti o due facce della stessa medaglia?
Agostino Bistarelli 
Claudio Pavone, dalla Resistenza agli studi sulla guerra civile
Graziella Gaballo
«Sempre lo stesso filo teso». Teresa Noce, la deportata costituente
Elena Caliri 
Marc Bloch, lo studioso e l’uomo 
Giovanna Costanzo 
Ágnes Heller: sul male radicale e la modernità
Santi Fedele 
Ricordo di un Maestro. Quando Paolo Alatri si firmava Paolo Romano
Giacinto Tavilla  
Edith Stein, ebrea, filosofa, carmelitana

SAGGI

Giovanni Pietro Lombardo 
Indizi e congetture sull’attentato al Duce di Violet Gibson nella perizia dei freniatri Giannelli e de Sanctis
Rocco Melegari 
Ognuno torni al suo posto. Il Nord Italia dopo l’8 settembre nei documenti tedeschi. Ortskommandanturen, prefetti, industrie

RSS
Twitter
Visit Us
Follow Me
YouTube
Instagram