“Italiani in America latina: linguaggi e messaggi”. Nuovo numero del “Giornale di Storia contemporanea”

“Italiani in America latina: linguaggi e messaggi”, è il titolo della sezione monografica del numero 2/2017 (anno XX, n.s.) del “Giornale di Storia contemporanea” che è stata curata da Vittorio Cappelli e Pantaleone Sergi, rispettivamente direttore e presidente del nostro Istituto Calabrese per la storia dell’antifascismo e dell’Italia contemporanea e dell’annesso Centro di Ricerca sulle Migrazioni. Il “Giornale di Storia contemporanea”, pubblicato dall’editore Pellegrini di Cosenza, è stato fondato e diretto dal compianto prof. Ferdinando Cordova, all’epoca presidente del nostro istituto. La seconda serie è condiretta da Vittorio Cappelli, Brunello Mantelli e Pantaleone Sergi. Nel numero appena pubblicato, oltre alla sezione monografica sono presenti interessanti, saggi, note e notizie, nonché una ricca sezione di recensioni a volumi di storia. Di seguito pubblichiamo la presentazione di Cappelli e Sergi e l’indice del volume. Continua a leggere

Grande Guerra e Brigata Catanzaro: ricerca e iniziative nelle scuole calabresi

Lo studio della Prima guerra mondiale rimane un punto chiave per comprendere la storia del Novecento. Per questo l’Istituto calabrese per la storia dell’antifascismo e dell’Italia contemporanea ha istituito un gruppo di ricerca per promuovere studi e iniziative per meglio conoscere questo periodo storico e i suoi riflessi sull’attualità e anche sul territorio calabrese. Continua a leggere

Il partigiano Carmine commemorato per iniziativa di Anpi, Cgil e Icsaic

Nel quadro delle iniziative per il “Giorno della memoria” a cui il nostro istituto ha aderito e partecipato anche fuori dai confini regionali, il presidente dell’istituto ha partecipato al convegno che l’Anpi e la Cgil di Vibo Valentia hanno organizzato in memoria del partigiano Carmine Fusca, scomparso il 25 dicembre scorso

Il partigiano Carmine Fusca (scomparso lo scorso Natale) è stato ricordato nel “giorno della memoria”. L’iniziativa si è svolta nella sala conferenze del Palazzo Municipale di Limbadi (Fusca era vissuto nella piccola frazione di San Nicola de’ Legistis). Nell’occasione, oltre al sindaco Pino Morello e al presidente dell’Anpi di Vibo Valentia Silvestro Scalamandrè, sono intervenuti Pantaleone Sergi (presidente dell’ICSAIC), e il segretario provinciale della Cgil Luigi De Nardo. Continua a leggere

Morto Carmine Fusca, il partigiano calabrese a cui Gianni Agnelli preparò il caffé

Carmine Fusca (a destra davanti al Monumento ai caduti di S. Nicola de’ Legistis

Ė morto il partigiano calabrese a cui Gianni Agnelli preparò il caffè. Carmine Fusca, uno degli ultimi combattenti per la libertà, si è spento il giorno di Natale all’età di 94 anni, era nato il 24 novembre 1923. A darne notizia è Pantaleone Sergi, presidente dell’Istituto calabrese per la storia dell’antifascismo e dell’Italia contemporanea, che esprime cordoglio e vicinanza ai familiari. «”Zio Carmine”, come lo chiamavano a S. Nicola de Legistis, minuscola frazione di Limbadi dove è vissuto coltivando la sua campagna – prosegue Sergi – era orgoglioso del suo “diploma” di partigiano e soprattutto di quanto, assieme a tanti giovani come lui, aveva fatto nella lotta contro il nazifascismo durante la guerra di liberazione. Continua a leggere

La “Brigata Catanzaro”. Storia d’eroismo

La copertina della Domenica del Corriere dedicata all’eroismo della Brigata Catanzaro

di Bruno Gemelli

La Calabria si riappropria della propria storia attraverso la rilettura di alcune pagine epiche della Grande Guerra. Ci sono voluti cento anni ma, per una volta, non ha mancato l’appuntamento. E sulla “Brigata Catanzaro” finalmente si accende una luce di verità per restituire l’onore a quei fanti che si coprirono di gloria ma furono per due volte decimati. Certo c’è stata un’avanguardia di studiosi che ha aperto la strada, ma ora si formalizza una cifra istituzionale con il riconoscimento e la partecipazione della Regione Calabria insieme a un’importate istituto qual è l’Icsaic (Istituto calabrese per la storia dell’antifascismo e dell’Italia contemporanea) che dedica un progetto di sapere, di conoscenza, di approfondimento da conservare negli scaffali della memoria collettiva.  Continua a leggere

Lettera di Mario Grecchi ai famigliari da Perugia

Mamma, Papa, fratelli, vi lascio terribilmente addolorato per non avervi potuto rivedere. Perdonatemi se vi procurato qualche dispiacere. Vi ho sempre voluto tanto bene.
Perdonate quest’ultimo male e inviatemi la vostra Santa Benedizione. Muoio con la sicurezza di non aver fatto mai male a nessuno. Pregate per me.
Per sempre vostro
Mario

Le stragi non più dimenticate del Sud

Nel 74esimo anniversario, la Strage di Rizziconi del 6 settembre 1943, viene ricordata dall’ Atlante delle Stragi Nazistee Fasciste in Italia (1943-1945).

Commemorazione e presentazione del libro “Zone di Guerra – geografie di sangue” Rizziconi 6 settembre 2017 ore 17.30 Sala Consiliare comunale