“Dal combattentismo alla Marcia su Roma”: l’ICSAIC a Crotone

In primo piano

Si terrà Mercoledì 23 novembre 2022, alle ore 18, a Crotone, una interessante conversazione dal titolo “Dal combattentismo alla Marcia Roma”, nell’ambito delle iniziative volte ad approfondire uno dei momenti più importanti del ’900, che la propaganda fascista avrebbe considerato come l’atto fondativo del regime.

L’evento, introdotto dalla presidente della Società “Dante Alighieri” di Crotone, la professoressa Antonella Cosentino, sarà l’occasione per analizzare alcuni momenti che condussero al radicamento del fascismo nel territorio crotonese. Attraverso la relazione dello storico Christian Palmieri, componente del Direttivo dell’ICSAIC, che introdurrà i risultati di nuove ricerche condotte sull’argomento, verranno presentati inoltre alcuni profili biografici che risulteranno fondamentali – soprattutto nelle fasi iniziali del fenomeno fascista – per comprendere i motivi di un relativamente rapido attecchimento, a far data dall’estate del ’22 e, dunque, la specificità nella sua dimensione crotonese.

L’iniziativa, in programma alle 18 presso la Sala delle conferenze della Società Dante Alighieri di Crotone, in Vico Caloiro n. 3, è organizzata in collaborazione con l’ICSAIC, Istituto Calabrese per la Storia dell’Antifascismo e dell’Italia Contemporanea, e con il supporto dell’Istituto per la storia del Risorgimento Italiano, Comitato di Crotone.

Il mondo e la guerra, l’eredità dei conflitti mondiali. L’ICSAIC nei licei di Corigliano

Il 9 Novembre alle ore 10.30, presso l’Aula Magna dei Licei di Corigliano, si parlerà della Grande Guerra con gli studenti delle quinte classi del Liceo classico e del Liceo delle scienze umane. Tra i relatori il prof. Giuseppe Ferraro, responsabile sezione didattica del nostro istituto ed il Colonnello Francesco Ferrara, comandante del 1° Reggimento dei Bersaglieri di Cosenza. Modera la prof.ssa Anna Di Vico De Simone. Sarà presente il Dirigente Edoardo Giovanni De Simone. L’iniziativa è dei Licei Corigliano, dell’ICSAIC e dell’Istituto per la storia del Risorgimento italiano – comitato provinciale di Cosenza.

Memoria e storia della marcia su Roma, un convegno a Rossano

In occasione del centenario della marcia dell’ottobre 1922, tra le iniziative a cui partecipa l’ICSAIC, c’è anche questo convegno in programma a Rossano sabato 29 ottobre nella sede del Circolo culturale Rossanese di piazza Steri. Prenderanno parte all’incontro il sindaco ing. Flavio Stasi, il prof. Giuseppe Ferraro, coordinatore della sezione didattica del nostro Istituto, con una relazione su “Il fascismo in marcia: ricerca storica ed esperienze didattiche”; e a seguire l’avv. Maurizio Minnicelli con un intervento su “Rossano: nascita e affermazione del fascismo tra microstoria e storia”. Coordina l’avv. Natale Graziano, socio del circolo.

Marcia su Roma: l’ICSAIC a Vibo convegno sui tre “big” calabresi del fascismo

Venerdì 4 novembre 2022, alle ore 15.45, a Vibo Valentia si terrà il convegno “Il fascismo, la Calabria e i suoi tre leader. Bianchi, Lanzillo e Razza a 100 anni dalla Marcia su Roma”.
Sarà un’occasione per proporre ai presenti una riflessione a cento anni dalla Marcia su Roma, l’evento che nella propaganda fascista diventò il momento fondativo del regime. In particolare, dopo l’intervento del presidente dell’Istituto Paolo Palma su “Renzo De Felice e la Marcia su Roma”, tre studiosi di livello presenteranno le figure dei tre più prestigiosi esponenti calabresi del fascismo.
Vittorio Cappelli, direttore dell’ICSAIC e docente Unical, presenterà l’intervento “Michele Bianchi, un quadrumviro nel governo fascista”, mentre Antonino Romeo, membro dell’ICSAIC e della Deputazione di Storia Patria per la Calabria, si soffermerà sulla figura di Agostino Lanzillo, “fascista inquieto e multanime”. Giuseppe Parlato, infine, dell’Università degli Studi Internazionali di Roma, uno dei maggiori studiosi del fascismo e presidente della Fondazione Ugo Spirito-Renzo De Felice, presenterà la figura di “Luigi Razza, tra sindacalismo e corporativismo”.
Introdurrà la manifestazione Michele La Rocca avvocato, giornalista e socio corrispondente dell’ICSAIC da Vibo Valentia. L’iniziativa, in programma alle 15.45 presso Palazzo Gagliardi, è organizzata dall’ICSAIC, Istituto Calabrese per la Storia dell’Antifascismo e dell’Italia Contemporanea, con la collaborazione della Deputazione di Storia Patria per la Calabria e del CEV, Comitato Editori Vibonesi.

Gli itinerari di Clio dell’ICSAIC all’Istituto “L. Palma” di Corigliano-Rossano

Gli itinerari di Clio” è una iniziativa della commissione didattica dell’ICSAIC e dell’Istituto per la storia del Risorgimento italiano – comitato provinciale di Cosenza. Si tratta di un viaggio nel passato tra le risorse e le suggestioni di ieri e di oggi. Un percorso di didattica della storia e educazione civica che unisce storia e natura, pensiero critico e spirito di imprenditorialità.
Il prossimo appuntamento, in collaborazione con l’ISS L. Palma di Corigliano – Rossano, avrà luogo mercoledì 26 ottobre a partire dalle ore 11 presso l’auditorium dello stesso Istituto scolastico.
Il dirigente scolastico dott.ssa Cinzia D’Amico aprirà l’incontro, moderato dalla prof.ssa Giulia Durante, mentre il prof. Giuseppe Ferraro, coordinatore della sezione didattica del nostro Istituto, terrà la relazione per gli studenti delle classi quarte.

Torna il “Dizionario”. Altre dieci biografie di calabresi illustri noti e meno noti

Finita l’estate, torna il Dizionario Biografico della Calabria Contemporanea. Proponiamo altre dieci biografie di calabresi illustri noti e meno noti e, con il concorso di studiosi e amici che sollecitiamo, lavoriamo ad altre.

Buona lettura!

L’emigrazione musicale calabrese in Sud America. L’Icsaic al convegno di Tropea

L’emigrazione musicale calabrese in Sud America tra Otto e Novecento. È il titolo del convegno internazionale di studi in programma a Tropea (6, 7 e 8 ottobre) nella sala S. Chiara. L‘ICSAIC sarà rappresentato da Pantaleone Sergi, venerdì 7 ottobre, con la relazione “Dal Poro alle Ande: una famiglia di musicisti di Limbadi in Argentina” e da Vittorio Cappelli, sabato 8 ottobre, con la relazione: “Sulla presenza culturale, artistica e musicale dell’Italia in Brasile. Da Teresa Cristina di Borbone all’immigrazione di massa”. Sulla brochure che postiamo, maggiori dettagli.

LA NOTIZIA

Tropea (VV) – Dal 6 all’8 ottobre 2022 l’Istituto di Bibliografia Musicale Calabrese (Ibimus), in collaborazione con l’Istituto di Studi sulla Musica dell’America Latina (IMLA) e il Comune di Tropea, organizza, presso la Chiesa di Santa Chiara a Tropea, un convegno internazionale di studi dal titolo L’emigrazione musicale calabrese nei paesi del Sud America tra Otto e Novecento. Il convegno ha lo scopo di portare l’attenzione su un aspetto fondamentale della cultura musicale transeuropea costituito dall’attività di figure di musicisti e operatori musicali che, provenienti dalla Calabria, furono coinvolte nei grandi fenomeni migratori tra la fine del XIX e la seconda metà del XX secolo.
Per approfondire queste tematiche sono stati chiamati a partecipare numerosi studiosi provenienti dal Sud America e dall’Europa ai quali è stato chiesto di tracciare i percorsi che queste figure hanno intrapreso nell’ambiente musicale dei rispettivi paesi di approdo e di valutare il loro apporto alla cultura musicale locale. Tra le aree di particolare interesse saranno messi in evidenza gli apporti dei musicisti di origine calabrese nel dominio dell’opera, della musica popolare, del folklore e la capacità degli operatori musicali calabresi di ergersi a figure fondative di istituzioni in grado di interpretare quel fenomeno di costruzione dell’identità musicale nazionale che proprio nel periodo preso in esame trova il suo principale sviluppo.
L’attività di musicisti come Salvador Ranieri, Emilio Pelaia, Domenico Ventrici, Emilio  Capizzano, Enrico Cadìcamo oggetto di varie relazioni nel corso delle tre giornate di studio, al di là del personale percorso artistico, testimonia l’apporto dei calabresi allo sviluppo di generi musicali autoctoni quali il tango, la musica popolare, la musica da camera e in certo senso la musica operistica, ma anche il fortissimo legame culturale che essi e le loro comunità hanno continuato a mantenere con i propri luoghi di origine. Il complesso fenomeno legato all’identità all’interno della migrazione viene finalmente esaminato dal punto di vista musicale per meglio conoscere i meccanismi che hanno consentito ai nostri conterranei di mantenere viva la passione per le proprie radici e nello stesso tempo contribuire alla costruzione di un futuro per le terre di approdo.
All’apertura del convegno (il 6 ottobre 2022 alle ore 16,00) ci saranno i saluti delle autorità e dei rappresentanti degli enti che hanno patrocinato l’iniziativa (Ibimus, Comune di Tropea, Conservatorio di musica di Vibo Valentia, Società italiana di musicologia, Imla, Mic, ecc.). Subito dopo seguirà la prima sessione del convegno cui parteciperanno tre relatori; il 7 ottobre sono previste due sessioni, una dalle 10.00 alle 13.30 e una dalle 16.00 alle 18,30, nelle quali si alterneranno 8 studiosi; l’8 ottobre alle 10.00 ci sarà la sessione conclusiva con 4 relazioni. Le sere del 6 e del 7 ottobre, a chiusura delle rispettive sessioni del convegno, ci saranno due concerti con musiche di autori calabresi attivi nell’America latina. Il convegno è stato realizzato grazie all’apporto finanziario del Ministero della Cultura e con il patrocinio del Conservatorio di Vibo Valentia.

Seminario di ricerca e didattica con gli itinerari di Clio in Sila

Seminario di ricerca e didattica a cura delle classi III A e IV B del Liceo Classico “San Nilo” di Rossano – 29 settembre 2022 Cava di Melis Longobucco Cs
Programma
° Saluti istituzionali – Antonio F. Pistoia, dirigente del Polo Liceale di Rossano;
° Giuseppe Ferraro – Gli itinerari di Clio. Google Maps tra didattica della storia e cittadinanza attiva;
Segue visita guidata coordinata dall’ing. Emanuele J. De Simone a: Parco culturale Fondazione “Pomara Scibetta Arte Bellezza Cultura” e Vigneto più alto d’Europa.
Tra i patrocinatori dell’appuntamento l’ICSAIC.

L’Icsaic partecipa a Reggio Calabria all’Omaggio a Giuseppe Garibaldi nel 140° anniversario della morte

Omaggio a Giuseppe Garibaldi” giovedì 29 settembre, alle ore 17:30, presso la Sala Giuffrè della Biblioteca De Nava di Reggio Calabria nel 140° della morte (1882-2022). L’incontro è promosso dall’Associazione Culturale Anassilaos, dalla Città di Reggio Calabria e dalla Biblioteca Comunale Pietro De Nava con il patrocinio della Deputazione di Storia Patria per la Calabria e dell’Istituto Calabrese per la Storia dell’Antifascismo e dell’Italia Contemporanea. Dopo i saluti del prof. Giuseppe Caridi, presidente della Deputazione di Storia Patria per la Calabria, e del dott. Stefano Iorfida, presidente dell’Anassilaos, interverranno il prof. Antonino Romeo, deputato di Storia Patria e delegato corrispondente dell’ICSAIC da Reggio Calabria e il dott. Fabio Arichetta, responsabile del centro studi storici dell’Anassilaos, socio della Deputazione e dell’ICSAIC. All’inizio vi sarà la lettura, a cura di Giuseppe Diaco, socio Anassilaos, del messaggio di Garibaldi sui Fatti d’Aspromonte, a bordo della fregata Duca di Genova, il 1° settembre 1862.

Reggio Calabria: omaggio a Biagio Camagna nel centenario con Caridi, Arichetta, Romeo

Reggio Calabria rende omaggio a Biagio Camagna (31 gennaio 1858-30 luglio 1922) nel centenario della morte con due manifestazioni, venerdì 29 luglio, promosse dal Comune e dalla Associazione Anassilaos con il patrocinio della Deputazione di Storia Patria della Calabria e del nostro Istituto. Presso la Sala Falcomatà di Palazzo San Giorgio la figura del famoso politico, avvocato e giornalista reggino che fu parlamentare per sei legislature, “uomo del popolo” e “fedele soldato della democrazia” sarà rievocata dal professor Giuseppe Caridi, presidente della Deputazione, dai soci Icsaic Fabio Arichetta e Antonino Romeo, e da Giuseppe Diaco.

Dieci nuove biografie per il Dizionario che ora conta 770 voci di calabresi illustri

Altre dieci nuove biografie si aggiungono al nostro Dizionario Biografico della Calabria Contemporanea che arriva così a 770 voci. Gazie all’impegno di tanti collaboratori, vecchi e nuovi, altre biografie sono in lavorazione.

Ecco i nuovi biografati e i rispettivi autori:

BUONA LETTURA

L’ICSAIC con l’ANPI sull’antifascismo nella Valle del Savuto

Il 30 maggio scorso il direttivo provinciale ANPI Cosenza “Paolo Cappello” ha approvato l’istanza di costituzione della sezione intercomunale ANPI Savuto intitolata a Donato Bendicenti. L’ICSAIC, oltre a salutare con soddisfazione l’istituzione di questo importante presidio di antifascismo e democrazia, ha voluto garantire la propria presenza ad alcune iniziative inaugurali della sezione.

Lunedì 27 giugno alle 18:30 presso la Libreria Mondadori di Piano Lago (Mangone), Matteo Dalena del direttivo dell’ICSAIC, presenterà “Quel garofano spezzato”, biografia del muratore socialista Paolo Cappello, ucciso dai fascisti nel 1924. A introdurre il libro di Dalena ci sarà il professore Leonardo Falbo anch’egli socio dell’ICSAIC.
Il 29 luglio alle ore 18:30 nella villa comunale di Rogliano, lo stesso Leonardo Falbo terrà una lezione sul tema “Donato Bendicenti, la banda del Trionfale e le Fosse Ardeatine”. A introdurlo sarà il presidente dell’ICSAIC, Paolo Palma.
Su Bendicenti si veda la voce firmata dallo stesso Falbo sul Dizionario Biografico della Calabria Contemporanea, curato dal professore Pantaleone Sergi.
Il saggio di Paolo Palma, intitolato “I martiri calabresi alle Fosse Ardeatine, tra delatori, spie e la famigerata banda Koch”, contiene invece alcune novità storiografiche in relazione, soprattutto, alle operazioni di polizia che portarono alla cattura di Bendicenti e Frascà.
Il 2 agosto alle 19:00 nella piazza di Grimaldi sarà la volta del professore Giovanni Sole, anch’egli socio dell’ICSAIC, regista di “Fino all’ultimo proiettile. Storia di un giovane partigiano calabrese” documentario sulla figura del partigiano grimaldese, Basilio Bianchi. A discuterne con il regista sarà Maria Pina Iannuzzi dell’ANPI.

A Castrovillari presentazione dell’ultimo volume di Vittorio Cappelli

Si terrà venerdì 10 giugno, a Castrovillari, la presentazione dell’ultimo volume di Vittorio Cappelli Dagli Appennini alle Ande, al Caribe e all’Amazzonia. L’opera, edita da Rubbettino, approfondisce percorsi e profili migratori verso le «altre Americhe», un argomento da sempre al centro degli studi del prof. Cappelli, direttore scientifico dell’ICSAIC e del Centro di ricerca sulle migrazioni che all’ICSAIC fa capo.
L’iniziativa, organizzata dall’Associazione di promozione sociale “Meno di un terzo”, si svolgerà alle ore 19.00 presso il locale “Q.B.” di Piazza Municipio e vedrà gli interventi e le letture di Gianni Colaci, Francesco Gallo, Maria Francesca Piragine e Luigi Troccoli. La serata sarà allietata dalle musiche del duo Tocatango di Christian Gaudenti e Camillo Maffia.

Il Giardino della Repubblica, un progetto con le scuole calabresi

Montecitorio, Costituente – Insediamento del Presidente Saragat (Fonte Istituto Luce)

Sono state tante le scuole di tutte le province calabresi, di ogni ordine e grado, che hanno aderito al progetto Il giardino della Repubblica, promosso dall’Istituto Calabrese per la Storia dell’Antifascismo e dell’Italia Contemporanea, l’Associazione parchi culturali italiani e l’Istituto per la Storia del Risorgimento italiano – Comitato provinciale di Cosenza.
L’iniziativa è stata coordinata da Giuseppe Ferraro della commissione didattica ICSAIC, con il supporto tecnico di Bruno Pino. Ogni scuola ha elaborato, in occasione del 2 giugno – Festa della Repubblica, un lavoro sottoforma di cartellone, pannello, targa, manifesto, laboratorio multimediale etc, dove ricordare una “madre” e un “padre” della Repubblica. Ogni lavoro è stato elaborato e personalizzato dalle scuole in base ai propri indirizzi e sensibilità culturali. In occasione del 2 giugno i lavori saranno esposti nelle varie scuole partecipanti.

Continua a leggere

Nuove voci per il nostro Dizionario. Online 760 biografie di calabresi

Ancora nuove voci per il nostro Dizionario Biografico della Calabria Contemporanea, sempre più apprezzato da studiosi e semplici lettori (oltre ai consensi espressi direttamente ne fanno fede gli accessi sempre più numerosi al portale dell’Icsaic). Arriviamo così a 760 biografie di personaggi calabresi che hanno lasciato traccia dall’Ottocento a oggi. E prosegue l’impegno di vecchi e nuovi collaboratori: altre biografie sono, infatti, in lavorazione.

Ecco i nuovi biografati e i rispettivi autori:

BUONA LETTURA A TUTTI