Pacchetto Colombo: storia di un fallimento nel nuovo libro di De Virgilio

Mezzo secolo fa la Calabria sognava una realtà  diversa. Nella capitale, dopo i moti di Reggio del luglio del ’70, arrivarono migliaia di calabresi, pare fossero trentamila, per una “marcia su Roma” dettata dalla pretesa del mantenimento degli impegni che l’allora presidente del Consiglio, Emilio Colombo, aveva assunto per garantire lavoro e affrancare la regione dall’arretratezza e dalla povertà . Il “pacchetto” di investimenti destinati all’industrializzazione della Calabria comprendeva la realizzazione del V centro siderurgico a Gioia Tauro, mai realizzato, e da importanti insediamenti a Lamezia Terme (la SIR che faceva capo all’imprenditore Nino Rovelli, il “sogno chimico” della Calabria) e a Saline Joniche (la Liquichimica – Liquigas Biosintesi, che produceva acido citrico e bioproteine, nell’orbita di Raffaele Ursini, nativo di Roccella Jonica e già  proprietario della Cip Zoo, che deteneva il monopolio dei mangimi per animali). Ma anche diversi altri opifici di minore risalto, soprattutto nel comparto tessile e un’acciaieria definita “fantasma” che doveva sorgere nell’area di Schiavonea, frazione dell’allora Corigliano Calabro.
Di fantasmi, in effetti, ve ne furono tanti, e il “pacchetto”, oltre che un’illusione e un fallimento, si rivelò una vera e propria truffa. Alessandro De Virgilio, giornalista e storico, otto anni dopo la pubblicazione de “Le quattro giornate di Catanzaro” (Ed. Rubbettino, 2014), testo nel quale ha ricostruito un’altra rivolta, quella del gennaio del 1950, con lo sciopero generale promosso dal comitato cittadino che era stato costituito per affermare il riconoscimento della città  quale capoluogo della Regione, ha da poche settimane dato alle stampe (sempre per Rubbettino) “Pacchetto Colombo – Gioia Tauro, Lamezia Terme, Saline Joniche: la truffa dell’industrializzazione fantasma in Calabria”.
Un “pacchetto” che si rivelò un “paccotto”, mutuando simbologie e termini napoletani, che coinvolse il dibattito politico non solo calabrese e che contribuì all’ascesa e poi al declino di gruppi petrolchimici privati, che di fondi ne videro, ma che realizzarono autentiche cattedrali nel deserto, e ancora oggi ne ammiriamo gli scheletri. Anni dopo, anche il preesistente polo industriale di Crotone (Montedison e Pertusola Sud) venne chiuso. De Virgilio, che è anche socio dell’ICSAIC, nel suo lavoro descrive con lo stile del giornalista (è il responsabile della redazione calabrese dell’AGI Agenzia Giornalistica Italia) e il rigore di storico le fasi del “pacchetto”, sia di ordine politico che sociale, con l’amara constatazione di un fallimento per molti versi annunciato. (LL)