Borzomati, Pietro

Pietro Borzomati [Reggio Calabria, 11 dicembre 1933 – Roma, 29 settembre 2014]

Storico, docente e giornalista. Pietro Borzomati, è stato studioso del movimento cattolico, della spiritualità e della pietà popolare, docente in diversi Atenei italiani e negli ultimi anni professore onorario di storia contemporanea dell’Università per Stranieri di Perugia, dov’era stato preside della Facoltà di Lingua e cultura italiana.
Ancora durante gli anni della formazione scolastica, ha intrapreso l’attività culturale impegnandosi nelle organizzazioni cattoliche giovanili della sua terra d’origine. Dopo la laurea in Lettere all’Università di Messina, con il professor Rosario Romeo, ha inizialmente intrapreso l’insegnamento presso le scuole medie statali di primo e secondo grado come docente di materie letterarie. Poi ha iniziato a lavorare in ambito universitario, diventando, dall’anno accademico 1960-61 al 1963-64, assistente volontario presso la cattedra di Storia dei Trattati e Politica Internazionale della Facoltà di Scienze Politiche nell’Università di Messina, e dal 1963 al 1968 assistente volontario presso la cattedra di Storia Moderna della Facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università di Perugia. Nel 1968 ha conseguito la libera docenza in Storia del Risorgimento; dal gennaio 1969 al dicembre 1972 è stato assistente ordinario presso la cattedra di Storia dei Partiti e dei Movimenti Politici nella Facoltà di Magistero dell’Università di Salerno. Quindi, dal novembre 1972 al marzo 1977 assistente ordinario di Storia Moderna e Contemporanea presso lo stesso ateneo. Successivamente, dal 1977 al 1983, ha svolto un incarico simile presso la Cattedra di Storia Moderna I della Facoltà di Magistero dell’Università degli Studi di Roma. Al tempo stesso, durante gli anni accademici dal 1968-69 al 1972-73 è stato professore incaricato di Storia del Risorgimento presso la Facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università di Salerno. Dal 1974 al 1983, è stato professore incaricato stabilizzato di Storia Moderna presso la Facoltà di Magistero dell’Università “La Sapienza” di Roma; qui, dal maggio 1983 all’ottobre 1990 è stato professore di ruolo, incardinato nella fascia degli associati, con l’insegnamento di Storia del Mezzogiorno. Nel 1990 è stato nominato professore straordinario di Storia Contemporanea all’Università Ca’ Foscari di Venezia, dove nel 1993 è stato confermato docente ordinario. Dal novembre 1995 è stato professore ordinario di Storia Contemporanea presso l’Università per Stranieri di Perugia e preside della Facoltà di Lingua e Cultura Italiana dello stesso ateneo.
Oltre all’impegno accademico, Pietro Borzomati ha ricoperto vari ruoli dirigenziali in associazioni e istituzioni: è stato membro delle settimane sociali dei cattolici italiani e del comitato scientifico del Dizionario Storico del Movimento Cattolico in Italia (1961-1981), del consiglio della «Rivista Storica Calabrese», della Deputazione di Storia Patria per la Calabria e per l’Umbria, del Centro Studi Napoleonici e dell’Istituto per la Storia del Risorgimento di Terni.
Formatosi alla scuola di grandi maestri come Giorgio e Massimo Petrocchi, Giuseppe De Luca e Gabriele De Rosa, nella sua lunga attività Borzomati ha sviluppato un’intensa produzione scientifica, particolarmente innovative. «Il panorama complessivo delle ricerche di Borzomati si può dividere in alcuni grandi filoni – ricorda Paolo Gheda – il movimento cattolico, il rapporto tra le componenti ecclesiali e la società civile, la vita religiosa con i suoi fondatori e istituti, le grandi figure della Chiesa e della santità universali; dall’altra parte, i protagonisti minori, la storia degli “ultimi”, la vicenda degli emigranti e le esperienze della povertà».
Il lavoro storiografico dello studioso calabrese secondo Gheda può essere inteso come la prosecuzione, una «logica evoluzione dell’impostazione di indagine sulla storia della spiritualità e della pietà inizialmente intuita da Giuseppe De Luca e, quindi, approfondita metodologicamente da Massimo Petrocchi e Gabriele De Rosa. Una scuola che grazie a Borzomati è proseguita, agevolando la costituzione di un’équipe di ricercatori distribuiti nella Penisola che ha affrontato secondo questa metodologia la disamina di aspetti, momenti, protagonisti della storia religiosa e sociale contemporanea».  
«Coerentemente con il suo impegno per la diffusione della storia civile, religiosa e della spiritualità – prosegue lo studioso – Borzomati ha fondato e diretto alcune collane scientifiche presso autorevoli case editrici italiane, in cui hanno trovato sbocco le ricerche sue e del gruppo di studiosi che a lui fa riferimento.
Ma è soprattutto la vasta produzione scientifica personale a distinguere la sua attività di studioso: volumi, saggi, curatele e introduzioni, nonché un ricco numero di contributi segnalati su importanti riviste specialistiche, quali, ad esempio, Historica e Studium».
Dopo la pensione ha continuando fino all’ultimo il suo lavoro di ricerca con l’attenzione e la passione che lo hanno sempre contraddistinto.
È sepolto, per sua espressa volontà, nel cimitero  di Catona. (Elida Sergi) © ICSAIC 2019

Pubblicazioni

Oltre a decine di saggi storici su riviste specializzate, articoli su vari giornali e periodici, locali e nazionali ha pubblicato i seguenti volumi:

  • Un centro dell’Italia in sviluppo industriale. Opinione pubblica, stato religioso, classe politica e sociale, stampa a Terni dal 1840 alla fine del sec. XIX, Berti, Perugia 1965.
  • La “Nova Juventus” in Italia e le origini del movimento cattolico in Umbria, Antenore, Padova 1969.
  • I “giovani cattolici” nel Mezzogiorno d’Italia dall’Unità al 1948, Edizioni di Storia e Letteratura, Roma 1970.
  • Studi storici sulla Calabria contemporanea, Frama’s, Chiaravalle Centrale 1972. 
  • La Calabria dal 1882 al 1892 nei rapporti dei prefetti, Editori Meridionali Riuniti, Reggio Calabria 1974; Falzea Editore, Reggio Calabria 2001. 
  • Il movimento cattolico nell’Italia centrale, La Goliardica, Roma 1976.
  • La Calabria nell’età contemporanea (ed altri studi),Editori Meridionali Riuniti, Reggio Calabria 1977.
  • Tentativi di rinnovamento religioso dal 1900 al fascismo, Reggio Calabria, s.n., [1978?].
  • Carlo De Cardona ed il movimento cattolico in Calabria dal 1900 al 1913, Milano 1979.
  • Chiesa e società meridionale dalla Restaurazione al secondo dopoguerra, Studium, Roma 1982; 1991.
  • Movimento cattolico e Mezzogiorno, La Goliardica Editrice, Roma 1982. 
  • Amore e fedeltà al Papa. Padre Annibale, Rogazionisti, Roma 1988.
  • Esperienze meridionali di santità tra ‘800 e ‘900, Laruffa, Reggio Calabria l990. 
  • Chiesa e società meridionale: dalla restaurazione al secondo dopoguerra, Studium, Roma 1991.
  • Le congregazioni religiose nel Mezzogiorno e Annibale di Francia, Studium, Roma 1992.
  • Annibale di Francia: la Chiesa e la povertà, Studium, Roma 1992.
  • L’ex allievo di don Bosco tra Vangelo e realtà sociali, s.e., Vibo Valentia 1992.
  • Aspetti religiosi e storia del movimento cattolico in Calabria (1860-1919),Cinque lune, Roma 1967; Rubbettino, Soveria Mannelli 1993.
  • Itinerari spirituali nell’età contemporanea, Salvatore Sciascia Editore, Caltanissetta-Roma 1993.
  • I cattolici e il Mezzogiorno, Editrice Studium, Roma 1995.
  • La questione meridionale. Studi e testi, SEI, Torino 1996.
  • Eustachio Montemurro medico e prete. Un mistico del Novecento, SEI, Torino 1997.
  • Giovanni Battista Scalabrini. Il vescovo degli emarginati, Rubbettino, Soveria Mannelli 1997.
  • Dalla Calabria al Messico. La vicenda spirituale e sociale di padre Vincenzo Idà, Rubbettino, Soveria Mannelli 1999.
  • Protagonisti e studiosi della spiritualità italiana, Ed. Lussografica, S. Cataldo 1999.
  • La Calabria nei documenti storici. Il Novecento, Falzea Editore, Reggio Calabria 2000.
  • Una devozione italiana. Riflessioni sulla devozione a Santa Rita da Cascia, Edizioni Lussografica, San Cataldo 2000.
  • Aspetti e momenti di storia della vita consacrata e della Chiesa nel Mezzogiorno, Salvatore Sciascia Editore, Caltanissetta-Roma 2006.
  • “Le casse vuote”. Protagonisti della spiritualità e della pietà meridionale, Rubbettino, Soveria Mannelli 2006.
  • La società Dante Alighieri a Terni, cento anni di storia,Litostella, Terni 2007 (con M. Corradi).
  • La Parrocchia di Catona dal Settecento ai nostri giorni,Rubbettino, Soveria Mannelli 2009.
  • Un sacrificio utile. Pastoralità di Antonio Ambrosanio, Edizioni Lussografica, San Cataldo 2010.
  • Medaglioni di spirituali contemporanei, Edizioni Lussografica, San Cataldo 2012.

Riferimenti bibliografici

  • Paolo Gheda, Profilo bio-bibliografico di Pietro Borzomati, in Società,Chiesa e ricerca storica. Studi di storia moderna e contemporanea in onore di Pietro Borzomati, a cura di Massimo Naro, Salvatore Sciascia Editore, Caltanissetta-Roma 2002;
  • Antonino Denisi, In memoriam. Pietro Borzomati, in «Rivista storica calabrese», XXXV, 2014, 311-314.
  • Elida Sergi, Note bio-bibliografiche su Pietro Borzomati, in Pantaleone Sergi (a cura di), La Calabria dall’Unità al secondo dopoguerra. Liber amicorum in ricordo di Pietro Borzomati, Deputazione di Storia Patria per la Calabria, Reggio Calabria 2015, pp. 345-366.
RSS
Twitter
Visit Us
Follow Me
YouTube
Instagram