Asturaro, Alfonso

Alfonso Asturaro [Catanzaro, 17 agosto 1854 – Chiavari (Genova), 15 dicembre 1917]

Nato da Domenico e da Emanuela Stiriti, una famiglia modesta, fece gli studi in città , dalle elementari al liceo, con grandi sacrifici da parte del padre che era un usciere. Intelligente e volenteroso, si trasferì Pisa dove conseguì la laurea in filosofia alla Scuola Normale sotto la guida del filosofo calabrese Francesco Fiorentino, con il quale negli anni successivi rimase in contatto, collaborando anche al «Giornale napoletano di filosofia,  lettere e arti », fondato nel 1872 dal maestro e da Carlo Maria Tallarigo, letterato calabrese, nativo di Motta Santa Lucia (Catanzaro).  
Dopo la laurea tornò nella città  natale e fino al 1886 fu docente di storia e geografia e direttore  della Scuola Tecnica (preferì quell’incarico a una cattedra in una scuola classica ma lontana da Catanzaro), continuando tuttavia a coltivare gli studi filosofici. Nel 1881  fu abilitato alla libera docenza in Filosofia morale a Napoli.  E tre anni dopo partecipò al concorso per la cattedra all’università  di Napoli risultando tra gli idonei.
Nel 1887 lasciò Catanzaro per Genova, per insegnare filosofia moderna, dopo avere vinto un concorso a cattedra. La commissione presieduta dal prof. Francesco Bertinaria, nella Relazione fatta al Consiglio superiore della Pubblica Istruzione, tra dieci candidati ritenne che il posto toccasse a lui «per ingegno e per cultura scientifica ».
Nella città  della Lanterna  avrebbe svolto tutta la sua carriera accademica.  Professore pareggiato di etica nell’Università  di Napoli, arrivò a Genova che aveva già  abbandonato le posizioni neokantiane di Fiorentino per passare al positivismo, già  noto per il saggio su  La teoria dei sentimenti morali da Shaftesbury a Spencer  apparso sul «Giornale Napoletano di filosofia, lettere ed arti »,  in cui studia la teoria dei sentimenti morale, e per i  Saggi di filosofia morale  ispirati a Comte, Lombroso, Ferri e  Stuart Mill, che «indicano nell’evoluzionismo spenceriano la linea di pensiero alla quale Asturaro si richiamava ».
Filosofo positivista e sociologo,  con una passione “pedagogica” ben visibile, fu un docente instancabile. Nel 1888 per incarico tenne una serie di conferenze nel Magistero di Genova e nell’anno accademico 1891-1892, poiché la nella sua università  cattedra era vacante, coprì anche l’insegnamento di filosofia teoretica.
Proprio dal 1892, diventato libero docente di Sociologia (fu uno dei primi docenti ufficiali in Italia), spostò i propri interessi di studio dalla filosofia alla nuova disciplina che cominciava a farsi spazio con difficoltà  negli atenei italiani, perché  avversata  dalle «fraterie filosofiche » dell’accademia. Il nuovo impegno, che subito diventò esclusivo (tenne anche numerose conferenze nelle Università  Popolari in diversi centri liguri), gli valse molti riconoscimenti. Il suo volume  La sociologia, i suoi metodi ele sue scoperte(1896) fu premiato dalla  R. Accademia di lettere e scienze di Napoli e il  ministero della Pubblica Istruzione istituì per lui la cattedra di Sociologia (svolse corsi complementari dal 1906 al 1909, perché mutato il clima all’interno del governo, la cattedra fu abolita).  Fondatore della scuola genovese di scienza sociale, pubblicò diversi importanti volumi (alcuni dei quali tradotti anche in spagnolo) e collaborò a riviste quali «Rivista di filosofia scientifica », «Rivista italiana di sociologia », «Rassegna Critica », «Milite dell’Umanità  » e «Rivista Moderna di cultura ».
Le sue idee filosofiche e sociali  nel 1890  lo portarono a iscriversi al Partito Socialista Italiano, anche se con una posizione critica nei confronti del marxismo.  Nel Partito non svolse una grande attività . Nel 1904, tuttavia, si candidò alle elezioni comunali e fu eletto Consigliere di Chiavari, città  nella quale era residente e, per qualche anno,  anche professore di filosofia nel liceo comunale. Tuttavia notevole fu il contributo dato col prestigio del suo nome di uomo di scienza per accreditare al Partito la fama di Partito Universitario. E nello stesso anno il Partito Socialista, tra le candidature “di bandiera » in Calabria pose la sua  nel collegio di Catanzaro: ottenne il 23,95 per cento dei consensi.
Il Michels lo considera uno degli intellettuali che hanno fatto conoscere e onorato il socialismo italiano.
Si conosce poco o niente della sua vita privata. Morì  per una infezione tetanica  all’età  71 anni. «Sicuramente lasciò nei compagni di partito e negli studenti il ricordo di un intellettuale di grande mente e di grande cuore, un vero uomo » (Malcagni).  Catanzaro lo ricorda con una via a suo nome. (Aldo Lamberti) © ICSAIC 2020

Opere

  • Saggi di filosofia morale,  Domenico Morano,  Napoli 1881;
  • Santa Caterina da Siena.  Osservazioni psico-patologiche,  Domenico Morano,  Napoli 1881;
  • Una vecchia questione, la libertà  del volere,  Stabilimento tipografico Perrotti,  Napoli 1881;
  • L’etica di Aristotile,  Stabilimento Tipografico Asturi, Catanzaro 1884;
  • Gerolamo Cardano ossia il primo grado di degenerazione del sistema nervoso,  Fratelli Dumolard,  Milano-Torino  1887;
  • Classificazione della Morale come scienza sociale, Argiroffo, Chiavari 1890;
  • Gl’ideali del positivismo e della filosofia scientifica.  Discorso letto nella solenne inaugurazione dell’anno accademico 1891-92,  P. Martini,  Genova 1892;  
  • La sociologia e le Scienze Sociali.  Prelazione al corso di Sociologia del 1892-93 nell’Università  di Genova,  Tipografia Esposito,  Chiavari 1893;  
  • La sociologia, i suoi metodi e le sue scoperte, Lib. Edit. Ligure,  Genova 1896;
  • La sociologia e la sua importanza nel movimento scientifico contemporaneo, «Rivista italiana di sociologia », 3, 6, 1899;
  • La mente di Francesco Fiorentino,  s. n.,  Catanzaro  1889  
  • La sociologia morale,  Prem. stab. tipografico Chiavarese, Chiavari 1900;
  • Sociologia zoologica (generale),  Stabilimento tipo-litografico R. Longatti,  Como 1901;
  • Il materialismo storico e la sociologia in generale.  Prelazione al corso di Sociologia del 1892-93  nell’Università  di Genova,  Libreria Moderna, Genova 1903;
  • Sociologia politica,  Casa Ed. Stenografica,  Genova 1911;  

Nota bibliografica

  • Relazione fatta al Consiglio superiore della Pubblica Istruzione sul concorso alla cattedra di filosofia morale vacante nella R. Università  di Genova, «Gazzetta Ufficiale del Regno d’Italia », s. 3, n. 79, 5 aprile 1887, p. 1884;
  • Achille Loria,  La sociologia, il suo compito, le sue scuole, i suoi recenti progressi,  Padova 1901,  p. 141;
  • Roberto Michels,  Il proletariato e la borghesia nel movimento socialista italiano,  Fratelli Bocca,  Torino 1908, p. 110;  
  • Rodolfo Savelli,  Alfonso Asturaro, «Rivista Ligure di Scienze, Lettere ed Arti », 1912;
  • Benedetto Croce,  La letteratura della nuova Italia, vol. II, Laterza, Bari 1915, p. 276;
  • Sante Ferrari,  In memoria di Alfonso Asturaro, Annali dell’Università  di Genova, 1918-1919,  Bruzzone, Sestri Ponente  1919, pp. 35-46;
  • Roberto Michels,  Storia critica del movimento socialista in Italia,  La Voce, Firenze 1926, p. 193;
  • Vito G. Galati,  Gli scrittori delle Calabrie. Dizionario bio-bibliografico,  I, Vallecchi, Firenze 1928, pp. 253-258;
  • Antonio Labriola,  Lettere a Engels,  Rinascita,  Roma 1949, p. 197;
  • Luigi Bulferetti,  Le ideologie socialistiche in Italia nell’età  del positivismo evoluzionistico, F. Le Monnier, Firenze 1951, pp. 15, 134;
  • Giovanni Gentile,  Le origini della filosofia contemporanea in Italia,  vol.  II,  I positivisti,  Firenze 1957, pp.  333-335;
  • Luciana Trentin,  Asturaro, Alfonso, in  Dizionario Biografico degli Italiani, Vol. 4, 1962;
  • Enrico Paresce,  Alfonso Asturaro, «Almanacco Calabrese », 1966-67, pp. 131-144;
  • Luigi Aliquò Lenzi, Filippo Aliquò Taverriti,  Gli Scrittori calabresi, vol. I, Tip. Editrice “Corriere della Calabria”, Reggio Calabria 1972, pp. 90-91;  
  • Guido Oldrini,  La cultura filosofica napoletana dell’ottocento, Laterza, Bari 1973, pp. 514 sgg.;
  • Asturaro, Alfonso, in Franco Andreucci e Tommaso Detti,  Il movimento operaio italiano, Dizionario Biografico 1853-1943,  vol. I, Editori Riuniti, Roma 1977, pp.  100-101;
  • Gaetano Cingari,  Storia della Calabria dall’Unità  a oggi, Laterza, Roma-Bari 1982,  ad indicem;
  • Gustavo Valente,  Dizionario Bibliografico biografico geografico storico della Calabria,  Frama’s, Chiaravalle Centrale 1988, pp. 331-332;
  • Mirella Pasini,  La filosofia, in Giovanni Assereto,  Tra i palazzi di via Balbi. Storia della facoltà  di Lettere e Filosofia dell’Università  degli Studi di Genova, «Atti della Società  ligure di Storia Patria », n. s., vol. XLIII (CXVII), fasc. II, 2003, pp. 182-186;
  • Massimo Pescio,  Alfonso Asturaro una grande mente e un grande cuore, in  Vito Malcagni (a cura di),  Le origini del socialismo in Liguria,  atti del convegno Camogli, 26-28 marzo 1992,  Edizioni dell’Orso, Alessandria 1995,  p. 67 sgg.