Aragona, Consalvo

Consalvo Aragona  [Cosenza 27 marzo 1916 – 14 marzo 1990]

Laureato in Medicina e Chirurgia, specialista in Pneumologia; ha esercitato la libera professione. È stato Presidente per lunghi anni dell’Ordine dei Medici della Provincia di Cosenza. A metà degli anni Settanta ha presieduto anche l’Aied calabrese, l’associazione italiana per l’educazione demografica.
Iscritto al Psi nel 1960, è stato segretario di sezione e componente del Comitato direttivo della Federazione di Cosenza. Consigliere comunale e vice sindaco di Cosenza, con 9.516 preferenze nel 1970 è stato eletto in Consiglio regionale nelle liste del Psi nella circoscrizione di Cosenza.
È stato il capogruppo per tutta la legislatura, durante la quale il suo apporto all’interno della maggioranza di centrosinistra (per tutta la legislatura la Regione è stata governata da una coalizione Dc-Psi-Psdi) è stato spesso determinante in varie discussioni: dalla programmazione economica ai rapporti Stato-Regioni, ai decreti di trasferimento dei poteri e delle funzioni. Alle prime 240 sedute della prima legislatura è stato molto presente in aula, con una percentuale del’87,4 per cento, a testimonianza del suo impegno.Nello stesso periodo ha firmato progetti di legge, ha presentato 4 interrogazioni, 11 mozioni e 7 interpellanze, svolgendo 196 interventi nei dibattiti assembleari.
Alle elezioni regionali del 1975 è risultato il più votato del Psi nella Regione. Il 21 luglio 1975, votato da Psi, Psdi, Poi, Piup e Pci (con l’astensione della Dc) è stato eletto presidente del Consiglio, carica che ha ricoperto fino alla conclusione della II legislatura, il 4 agosto 1980.
Rieletto consigliere regionale nel 1980, si è dimesso il 10 maggio 1983, con l’intenzione di candidarsi al Parlamento nazionale. Gli fu fatto credere che a Roma, venendo a conoscenza dei desideri riservati ma profondi dei massimi dirigenti locali, avrebbero alla fine indicato lui come candidato del collegio senatoriale di Cosenza. Ma non fu così. Tradito dai maggiorenti del suo partito, chiuse allora dignitosamente con la politica e si ritirò a vita privata.
Morì all’età di 74 anni nel compianto generale. La sua città lo ricorda con una via intestata a suo nome. (Red.) © ICSAIC 2020 – BREVE

Nota bibliografica

  • Bruno Sirio, Eletto il presidente del Consiglio regionale, «Il Giornale di Calabria», 22 luglio 1975;
  • Ferdinando Perri, I presidenti del Consiglio Regionale della Calabria r il meridionalismo, Editoriale Progetto 2000, Cosenza 2014, pp. 71-80
RSS
Twitter
Visit Us
Follow Me
YouTube
Instagram